Questa pagina non ha ricevuto commenti. Commenta per primo!

Angri, continua la rassegna teatrale al Castello Doria

Venerdì 8 dicembre, ore 18:00, la compagnia Samarcanda Teatro propone la commedia napoletana “Vado per vedove “

compagnia teatrale samarcanda

Angri si prepara a festeggiare l’inizio del periodo natalizio con una commedia comica napoletana che racchiude tutta l’arte di arrangiarsi del popolo partenopeo. 

La rassegna teatrale organizzata dal Comune di Angri e dall’assessorato alla cultura retto dal dott. Giuseppe D’Ambrosio, giunta al sesto appuntamento, offrirà ai tanti appassionati “Vado per vedove” proposta dalla compagnia “SAMARCANDA TEATRO” per la regia di Enzo Fauci. Un lavoro che restituisce un testo sostanzialmente fedele all’originale sia nella trama che nelle caratterizzazioni dei protagonisti della vicenda. L’appuntamento è per le ore 18 di venerdì 8 dicembre, nel piccolo teatro della Pinacoteca di Castello Doria.

Assessore cultura Giuseppe D'AmbrosioDichiarazione Assessore Giuseppe D’Ambrosio

Si inizia a respirare un clima natalizio, con la città che si prepara a vivere nuove serate all’insegna di mercatini natalizi e luci colorate. In questa atmosfera particolare e in una serata di festa, il tabellone teatrale propone una commedia esilarante; un classico della commedia comica napoletana, portato al successo negli anni sessanta da Nino Taranto e Luisa Conte. Sul palco della Pinacoteca le risate sono assicurate grazie alla qualità degli artisti in scena. Uno spettacolo che ammirerò insieme ai tanti appassionati che hanno condiviso questo progetto supportandolo con presenze da sold out”.  

VADO PER VEDOVE 

di Giuseppe Marotta e Belisario Randone 

Realizzazione a cura dell’Associazione “SAMARCANDA TEATRO”  di Battipaglia (SA) 

Regia di Enzo Fauci 

VADO PER VEDOVE – breve trama e note 

“Vado per vedove" è un classico della commedia comica napoletana, portato al successo negli anni sessanta da Nino Taranto e Luisa Conte, e tratta della cronica arte di arrangiarsi di cui il popolo partenopeo, o per vocazione o per necessità, è maestro. 

Il protagonista, Eduardo Palumbo, che nonostante la sua matura età sfoggia un fascino ancora apprezzato, circuisce povere ed ingenue vedovelle inducendole a lasciargli gestire i loro lasciti. Egli è il prototipo dell'uomo che vive di espedienti contando sul proprio carisma e la capacità, attraverso sapienti giri di parole, di ottenere ciò che desidera. 

Tutto si svolge sotto la supervisione di Gennaro, suo fedele collaboratore. 

Il destino tuttavia gli riserva delle beffe, le "donzelle" di cui si è circondato tirano fuori a sorpresa gli artigli creandogli non pochi problemi e dimostrando di non essere proprio quelle ingenue vedovelle che egli crede siano. (c.s.)

 

Parole Chiave: news, teatro, castello doria, rassegna teatrale

Pubblicato il 07 Dicembre 2017 da La Redazione


Commenti degli utenti alla pagina:

Non ci sono commenti per questa pagina.

Commenta : (richiesto)

: (richiesta, non sarà pubblicata)

: (richiesto)





Inserire il codice antispam nella casella di testo sottostante

TEATRO

Angri, quarto appuntamento teatrale al Castello Doria

Angri, quarto appuntamento teatrale al Castello Doria

Sabato 25 novembre, ore 20:00, la Compagnia teatrale “Attori per Caso” presenta la commedia “Tonino Cardamone: giovane in pensione”

TEATRO

Angri, continua la rassegna teatrale al Castello Doria

Angri, continua la rassegna teatrale al Castello Doria

Sabato 2 dicembre, ore 20, la Compagnia Teatrale “la Proposta” proporrà lo spettacolo “Ammore d’Autore” di Alfredo Crisci

TEATRO

Angri, secondo appuntamento teatrale nella Pinacoteca del Castello Doria

Angri, secondo appuntamento teatrale nella Pinacoteca del Castello Doria

Domenica 12 novembre, ore 18,00, la compagnia teatrale Il Sipario mette in scena la commedia esilarante “Cornuti e Contenti” di Marco Lanzuise

CASTELLO DORIA

“Prove d’Autore” al Castello Doria per la consegna delle chiavi

“Prove d’Autore” al Castello Doria per la consegna delle chiavi

Giovedì 7 ottobre ore 20,00 storia, musica e teatro per celebrare in grande stile l’avvenimento