angri.info





Home Page - Attualità - Video - Politica - Sport - Cultura & Spettacolo - InformaGiovani - Angresi nel Mondo - Contattaci - La voce degli Angresi (Forum)
Primarie nel Partito Democratico, l’analisi politica di Gianluigi Esposito
“Basta con le guerre interne, ora dobbiamo riportare il partito tra la gente, anche ad Angri”

Pubblicato da: La Redazione il 29 ottobre 2009

Le primarie del 25 ottobre hanno sancito la fine della vocazione maggioritaria del PD e hanno riaperto la possibilità di ricreare una nuova coalizione all’interno del centrosinistra. Quanto tutto questo sia una vera possibilità di ritornare presto al governo del Paese sarà il tempo a dircelo, per il momento dobbiamo prendere atto del consenso che ha accompagnato l'elezione del nuovo segretario, l’ex ministro Pierluigi Bersani.

Gianluigi Esposito
Dario Franceschini, dal canto suo, ha dimostrato che una vera alternativa alla destra populista e illusionista esiste. In questi mesi di reggenza ha saputo traghettare il partito verso una maggiore consapevolezza della propria identità. Credo che abbia dimostrato a tutti che una vera opposizione si legittima e si propone come alternativa di governo a cominciare dalla capacità di dialogare con la società civile. Franceschini ha avuto il coraggio di parlare ancora di giustizia sociale, di difesa del lavoro, di serietà della politica, di rispetto per le istituzioni in un momento in cui il Paese versa in una grave crisi, abilmente mascherata dalla politica cialtrona e volgare di un centrodestra che ha saputo solo produrre leggi ad personam.

Il segretario uscente è sceso in piazza al fianco dei lavoratori e dei precari senza toni vocianti, ma con sobrietà e autorevolezza. Il successo delle primarie con più di tre milioni di votanti è senza dubbio un merito di Franceschini. Ora i nuovi gruppi dirigenti hanno il compito di organizzare il partito, creare alleanze, ma soprattutto lavorare ad una seria alternativa di governo. Per fare questo c’è bisogno di fare appello alle forze migliori del PD e bisogna dare un segnale forte a partire dalle prossime scadenze elettorali. Le Regionali del 2010 vedono il rinnovo della Giunta anche in Campania ed è in questa regione che il PD si gioca molta della sua credibilità


La classe dirigente regionale ha purtroppo fallito nella sua azione di governo, non è riuscita ad essere un vero riferimento per le nuove generazioni e sul piano prettamente amministrativo ha prodotto sicuramente molte buone cose, ma sono state offuscate dagli enormi danni legati all’emergenza rifiuti, al disastro della sanità, all’incapacità di fare buon uso dei fondi europei. Bassolino non ha saputo mantenere vivo quell’entusiasmo che lo ha circondato nel 1995 e ha perso l’occasione di essere un punto di riferimento politico nel partito quando ha scelto la strada del silenzio di fronte alle critiche del centrodestra, dell’UDC di De Mita e dell’UDEUR di Mastella.



Franceschini ha parlato con molta chiarezza di discontinuità rispetto al passato e con coraggio ha individuato la guida a cui il PD deve affidarsi in Campania: il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca. Il leader salernitano ha dato prova di grandi capacità amministrative e politiche che lo hanno portato ad essere tra i primi sindaci d’Italia. De Luca ha scelto da anni la strada della politica del fare, ha combattuto le sue battaglie dall’interno, senza mai agitare lo spettro di scissioni.
In un congresso regionale del 2004 alla Mostra D’Oltremare a Napoli, alla presenza dei dirigenti nazionali, De Luca denunciò gli scandali che da li a qualche anno avrebbero investito la Sanità e la gestione dei Rifiuti, parlò dei “cafoni arricchiti” che stavano occupando ruoli di responsabilità sia nei partiti che nelle amministrazioni e pagò queste verità perché, prima tentarono di non candidarlo alle elezioni politiche, poi a Salerno il centrosinistra si schierò contro la sua candidatura. De Luca vinse le elezioni da solo. Il PD campano può quindi affidarsi ad una esperienza amministrava importante e riconosciuta, ma lo deve fare con coraggio, senza impegolarsi in estenuanti tatticismi, in pericolosi giochi correntizi, avendo l’onestà di dire a qualcuno che deve fare un passo indietro a favore del rinnovamento. Franceschini ha avuto il coraggio di dire queste cose nel pieno delle primarie, pur sapendo che queste verità avrebbero significato la perdita di sostegno alla sua candidatura, ora speriamo che il nuovo segretario, con la forza della sua legittimazione, faccia lo stesso, dica con chiarezza come intende trattare il caso-Campania, non possiamo parlare di discontinuità senza dare sostanza a questa parola. L’elezione di Enzo Amendola a segretario regionale ha avuto un' enorme eco, ma ora gli spetta un compito delicatissimo.


Non ci illudiamo, ci saranno ancora battaglie all’interno e sarà difficile trovare soluzioni condivise. In questo momento gioca molto anche il fattore psicologico, chi ha ricoperto ruoli di responsabilità, difficilmente accetterà di farsi da parte in nome dell’interesse generale del PD e ancora una volta gli effetti si ripercuoteranno a catena dagli organi regionali a quelli locali e così sarà anche ad Angri, dove da qualche anno, stando a quello che scrive un noto giornale cittadino, c’è una contrapposizione tra il gruppo della giovane dirigente Gina Fusco, vicina al sindaco di Salerno De Luca e il gruppo rappresentato dagli amici dell’asse Bassolino-Valiante: Bartolo D’Antonio (negli ultimi 40 anni Sindaco, assessore, consigliere comunale e presidente dell’ANCI Campania), Luigi D’Antuono (ininterrottamente vicesindaco e consigliere comunale nelle giunte di Postiglione e di La Mura) e Peppino La Mura (Sindaco di Angri dal 2004 al 2007).

Nell’articolo, che è uscito prima dell’esito delle primarie, si parla di un accordo tra i tre politici di lungo corso per estromettere l’area deluchiana dal pd angrese. Con quale beneficio collettivo o strategia non è dato sapere. Certo è che siamo di fronte a forme preistoriche di elaborazione politica. Del resto, stando ai risultati delle Primarie, questo triumvirato invocato dal giornale (D’Antonio-D’Antuono-La Mura) non regge nessuno scontro e Gina Fusco viene eletta all'Assemblea Nazionale.
Spero qualcuno voglia prendere le distanze dalle dichiarazioni di quel giornale perché non si riconosce in quel modo di intendere la politica così vicino all'organizzazione tribale!
Basta con le guerre interne, basta aprire sempre il fuoco sulle nuove risorse.
Personalmente, come delegato dell’area Franceschini, desidero ringraziare tutti quelli che ci hanno sostenuto in questa entusiasmante campagna elettorale per le primarie, primo fra tutti, l’ing. Salvatore La Mura che ha lavorato senza sosta al raggiungimento del risultato ottenuto.
Ritengo che una stagione nuova si sia aperta nel PD ed è tempo di assumersi la responsabilità di riportare il partito tra la gente.

Gianluigi Esposito




Parole chiave: Angri , Politica , Giuseppe La Mura , Luigi D'Antuono , Gina Fusco , bartolo D'Antonio , Salvatore La Mura , Partito Democratico , Gianluigi Esposito , verso le elezioni




COMMENTI DEGLI UTENTI ALLA NOTIZIA

Questa notizia non ha ancora ricevuto commenti





pari opportunità
Vigilessa aggredita, la solidarietà della Commissione Pari Opportunità
“occorre ristabilire la cultura della civile convivenza”

VIGILI URBANI
Rosanna Ferraioli: “dotare i vigili urbani di Angri di bombolette spray anti aggressione”
La proposta della vice coordinatrice provinciale di Noi Sud

Amministrazione Comunale
Approvato il conto consuntivo 2009
Resta il problema dei residui e dei debiti fuori bilancio appartenenti alle gestioni passate. Nuovo consiglio comunale per il 30 settembre.

attualità
Campagne allagate ad Angri, c'è l'impegno della Regione a risolvere il problema
Sopralluogo del Sindaco e dell'Assessore all'Ambiente Cosenza in località Orta Longa per i lavori da fare con urgenza

POLITICA
Generazione Italia sabato 2 ottobre inaugura la sede in Piazza Sorrento
Sarà presente l'on. Italo Bocchino, capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia

POLITICA
“La Pari Opportunità nella programmazione della Pubblica Amministrazione”
L'importante ed attuale tema è stato discusso ieri sera dal Movimento Pdl Angri Donna, ispirato dall’Assessore provinciale Antonio Squillante

AMMINISTRAZIONE COMUNALE
Consiglio Comunale, riconosciuto il debito fuori bilancio di Angri Eco Servizi
Nato durante l’emergenza rifiuti del 2008, sarà finanziato con una parte dell’avanzo di amministrazione

 

Prodotti
AQUARIUM

La casta. Così i politici italiani sono diventati intoccabili

MY WAY SPORT

TEICO

1984

La storia non è finita. Etica, politica, laicità

La terza repubblica. Partiti contro presidenti

Tutto è Berlusconi. Radici, metafore e destinazione del tempo nuovo

ANTONIO MANZO FOTOGRAFO

LA FAVOLA


Raccolta Differenziata
Cosa butto questa sera?
Questo strumento è stato realizzato gratuitamente da Angri.info. Immagini dal sito di Angri Eco Servizi
Pagine Utili
Cenni storici
Istituzioni
Associazioni
Imprese
Negozi
Professionisti
 
Artigiani
Scuola
Università
Numeri Utili (081)
Comune
Acquedotto
Guardia Medica
Vigili
Carabinieri
Protezione Civile

Polizia Stradale
Guasti Gas
CSTP
5168111
5161517
9368176
5168227
948383
947603

949666
800-016086
089 487111
Annunci Generici
Angri.info-Punto Info, Quotidiano Online. Aut.Trib. Nocera Inferiore N. 11/07 del 25/09/2007. Dir.Resp. A. Santaniello