angri.info





Home Page - Attualità - Video - Politica - Sport - Cultura & Spettacolo - InformaGiovani - Angresi nel Mondo - Contattaci - La voce degli Angresi (Forum)
" E' mancata la volontà politica di affrontare in modo logico il problema, e il provvedimento non ha giovato a nessuno se non a qualche privato."
Il Comitato per i Diritti dell'Infanzia spiega i motivi del proprio intervento in consiglio comunale sulla questione asilo nido

Pubblicato da: Comitato Diritti dell'infanzia di Angri il 12 Ottobre 2007

Salve,
alla luce di ciò che è accaduto il giorno 9 ottobre 2007 in sede consiliare , in qualità di Comitato Diritti dell'Infanzia ci sentiamo in dovere di fare alcuni chiarimenti sulla nostra posizione e lo scopo del nostro intervento nel corso del consiglio stesso.
Ci teniamo a sottolineare che la nostra è una voce libera e indipendente, abbiamo sentito l'esigenza di costituirci comitato perchè come singoli cittadini non siamo stati ascoltati dai nostri amministratori.

Dopo le prime lamentele per i criteri e le modalità adottate dall'amministrazione,da genitori abbiamo posto una solo e semplice domanda:"Come avete intenzione di sopperire al disagio creato alle famiglia dei bambini più piccoli che per età(dai tre mesi ai 20 mesi) sono tagliati fuori dal circuito scolastico?"

Avevamo proposto l'istituzione di una sezione di "micronido" che potesse accogliere i piccoli,utilizzare il personale cui il comune già paga gli stipendi, in strutture alternative presenti sul territorio comunale, bastavano una o due aule di una scuola dell'infanzia, ci siamo proposte in aiuto per la organizzazione degli spazi, trasferendo fasciatoi e suppellettili utili allo scopo, per proseguire con i lavori di risanamento e adeguamento, ma l'ipotesi non è stata neanche presa in considerazione.

Il progetto dell'Assessore alla P.I. è utile e necessario alla riqualificazione del servizio asilo, noi genitori abbiamo appoggiato sin dall'inizio la causa,ma non sacrificandoci a questo modo.
Il problema poteva essere affrontato in modo diverso e la causa della bocciatura del piano da parte dell'opposizione è solo una conseguenza delle modalità scelte che non hanno tenuto conto del fatto che il nido comunale è prima di tutto un servizio educativo e sociale di sostegno alle famiglie, non deve necessariamente portare guadagno alle casse del comune, e se fino ad oggi non è stato gestito ,dal punto di vista economico, basta fare la strada a ritroso e scovare le magagne, ma ci chiediamo perchè per l'incompetenza o l'incapacità di qualcuno dobbiamo subire noi che tra le altre cose abbiamo contribuito anche economicamente?

Ci teniamo a chiarire che il tono, a tratti ironico del nostro intervento, non ha voluto sminuire l'intento dell'Assessore alla P.I. ma è stato un modo sicuramente provocatorio per rispondere a quanto detto dallo stesso in riferimento alla possibilità di stipulare convenzioni con le strutture private per accogliere i lattanti.
Il comune avrebbe chiesto agli asili privati, la garanzia di ospitare i piccoli in strutture adatte dal punto di vista logistico e l'integrazione dell'offerta formativa con l'insegnamento della lingua inglese e dell'alfabetizzazione informatica per un utenza di bambini che, a quell'età, avrebbero bisogno di altro.
E' mancata la volontà politica di affrontare in modo logico il problema, e il provvedimento non ha giovato a nessuno se non a qualche privato.
Il progetto pedagogico che l'amministrazione vorrebbe attuare prevede l'istituzione di classi primavere che accolgono bambini di età compresa tra i 24 mesi e i 36, il nido scompare completamente negando la possibilità a tante donne di avviarsi al mondo del lavoro, questa la chiamate evoluzione sociale, culturale civile di un Paese occidentale nel terzo millennio?
Siamo aperti al dialogo siamo pronti a collaborare con le istituzioni nulla è perduto crediamo sia possibile costruire un progetto che possa rispondere alle esigenze di tutti.

Grazie per la cortese attenzione e lo spazio che ci avete concesso.

Comitato Diritti dell'Infanzia di Angri



Parole chiave: Angri , Consiglio Comunale , Scuola , Francesco Fasolino , Asilo Nido , Comitato Diritti dell\'Infanzia di Angri




COMMENTI DEGLI UTENTI ALLA NOTIZIA

Questa notizia non ha ancora ricevuto commenti





Amministrazione Comunale
Dal 4 ottobre inizia la refezione nelle scuole angresi
Il costo del ticket per i buoni pasto resta invariato

AMMINISTRAZIONE COMUNALE
Consiglio Comunale, riconosciuto il debito fuori bilancio di Angri Eco Servizi
Nato durante l’emergenza rifiuti del 2008, sarà finanziato con una parte dell’avanzo di amministrazione

AGROINVEST
Agro Invest, continua la cessione dei lotti del Pip Taurana agli imprenditori
Firmato l’atto pubblico per il passaggio di proprietà alle Officine D’Auria srl, nota azienda angrese

PROMOZIONE
Libertas Angri 0 – Pimonte 1
Terza sconfitta consecutiva della squadra di casa. Stavolta senza recriminazioni.

pari opportunità
Vigilessa aggredita, la solidarietà della Commissione Pari Opportunità
“occorre ristabilire la cultura della civile convivenza”

CRISI GRIGIOROSSA
Us Angri 1 - Trani 2
L'Angri perde anche con il Trani. Battipaglia: "per fare calcio ci vuole tranquillità"

VIVACULTURA 2010
Sant'Egidio,"L'Inferno" sta qui
Domenica 26 settembre la Divina Commedia di Dante rivivrà per le strade e i cortili del Centro Storico

 

Prodotti
TEICO

ANTONIO MANZO FOTOGRAFO

LA FAVOLA

FOTOCOPIAMO

AQUARIUM

MY WAY SPORT


Raccolta Differenziata
Cosa butto questa sera?
Questo strumento è stato realizzato gratuitamente da Angri.info. Immagini dal sito di Angri Eco Servizi
Pagine Utili
Cenni storici
Istituzioni
Associazioni
Imprese
Negozi
Professionisti
 
Artigiani
Scuola
Università
Numeri Utili (081)
Comune
Acquedotto
Guardia Medica
Vigili
Carabinieri
Protezione Civile

Polizia Stradale
Guasti Gas
CSTP
5168111
5161517
9368176
5168227
948383
947603

949666
800-016086
089 487111
Annunci Generici
Angri.info-Punto Info, Quotidiano Online. Aut.Trib. Nocera Inferiore N. 11/07 del 25/09/2007. Dir.Resp. A. Santaniello