angri.info





Home Page - Attualità - Video - Politica - Sport - Cultura & Spettacolo - InformaGiovani - Angresi nel Mondo - Contattaci - La voce degli Angresi (Forum)
10 e 11 giugno 2007. Angri sceglieva il suo sindaco
Un anno esatto è passato dall’elezione di Gianpaolo Mazzola. Che cosa è cambiato.

Pubblicato da: Amedeo Santaniello il 08 giugno 2008

Il 10 e 11 giugno 2007 gli elettori angresi scelsero , quale loro sindaco Gianpaolo Mazzola, preferendolo all’avversario Pasquale Mauri. Mazzola vinse perché rappresentava l’idea del cambiamento, della capacità e tenacia imprenditoriale, perché, in sintesi, sembrava rappresentare l’opposto di una classe politica che negli anni precedenti aveva portato al declino sociale, economico e culturale la città di Angri.

il sindaco Gianpaolo Mazzola
Che cosa è cambiato in questo anno ? In che cosa si è differenziato l’attuale sindaco dal precedente sindaco Giuseppe La Mura e più ancora dalla gestione di Umberto Postiglione? Vediamo di analizzare alcuni problemi della città e vediamo in che modo Mazzola si è contraddistinto.

Problema rifiuti. La causa scatenante del ripudio della città di Angri nei confronti del sindaco La Mura e di quelli che poi sono stati identificati come “suoi eredi” è stata l’emergenza rifiuti. La città si rivoltò contro un sindaco che non seppe spiegare ai suoi cittadini - o meglio non seppe coinvolgerli - che il problema era molto più grande e non poteva essere risolto dalla sola amministrazione comunale. Il tempo ha poi dimostrato che neanche Mazzola era in grado di risolverlo: le montagne di rifiuti si sono accumulate anche durante quest’anno e, al di là dei proclami, delle buone intenzioni e delle invettive contro altri enti (regione, provincia, etc…) la situazione resta tale e quale come era negli anni passati. Nessuna colpa per Mazzola ma diciamolo francamente non c’era nessuna colpa neanche per La Mura.

Situazione finanziaria del Comune. Il bilancio comunale continua ad essere un “foglio di carta” poco credibile dove continuano a mettersi (nell’attivo) poste di decine di milioni di euro che non saranno mai incassati perché prescritti o certamente inesigibili mentre nell’altra metà del foglio (passivo) vengono messe altre decine di milioni di euro che, questi, sì, saranno sicuramente presentati all’incasso perché si tratta di somme già spese.
Anche quello di quest’anno, approvato dall’Amministrazione Mazzola, risulta essere un bilancio “fantasma”, fatto solo per spostare in avanti negli anni un dissesto che è nella sostanza. La stessa idea di prevedere, nell’appalto della tesoreria, delle anticipazioni (a tassi di mercato) sui “debiti dei cittadini” rappresenta una concezione di “finanza creativa” che in altre città ha creato ulteriori, enormi aggravi ai contribuenti.

Servizi sociali. Grosse novità non ci sono state se si esclude la chiusura dell’asilo nido e il tentativo, ancora in corso, di portare avanti una gara per l’assistenza agli anziani e agli invalidi che è balzata a 190mila euro l’anno e che si caratterizza tutt’ora per alcune “anomalie” anche rilevanti.

Burocrazia comunale. Lo “stile manageriale” di Mazzola lasciava intendere un “coinvolgimento” dell’apparato comunale per offrire ai cittadini servizi migliori e più efficienti. Il “coinvolgimento” si è trasformato in una sequela di frasi ingiuriose ed offensive (incapaci, fannulloni, non hanno voglia di lavorare, fanno il bello e cattivo tempo, etc.. ) che in bocca al primo cittadino dimostrano il fallimento della sua azione “rinnovatrice”. Il sindaco deve risolverli i problemi e non crearne di nuovi. Mazzola si è anche circondato di uno stuolo di “esperti” (il numero e il costo esatto resta un mistero) che dovevano supplire alle deficienze della macchina comunale ma i risultati non ci sono o almeno non si vedono.


Trasparenza. Anche qui il sindaco Mazzola non si è molto contraddistinto dai suoi predecessori. A fronte di un fiume di comunicati di solidarietà, di propositi e di progetti da realizzare, in sostanza di propaganda, la sua comunicazione istituzionale risente del concetto che la conoscenza degli atti che vengono emanati deve restare appannaggio dei pochi addetti ai lavori. Il sito web del Comune riporta solo le gare d’appalto ma solo perché questo è un obbligo per i dirigenti pena l’invalidità degli atti. Non c’è traccia delle delibere della Giunta e del Consiglio Comunale figuriamoci delle determine dei funzionari dove si racchiude la vera e propria gestione dell’amministrazione comunale. Anziché una Casa di vetro, il Comune continua ad essere un “bunker inaccessibile” alla maggioranza dei cittadini.

Per finire il “racconto” di un anno: qualche giorno fa il sindaco Mazzola ha lanciato “concretamente” i suoi progetti di finanza che prevedono una spesa di trecento milioni di euro. La scadenza è prevista per il mese di ottobre. Su questi “progetti faraonici"il sindaco Gianpaolo Mazzola si gioca quel che resta della sua credibilità.



Parole chiave: Angri , Politica , Bilancio , Trasparenza , Editoriale , Amministrazione Comunale , progetti di finanza




COMMENTI DEGLI UTENTI ALLA NOTIZIA

Postato da: alchemy il 09-06-2008
E mi ricordo ancora...non è cambiato niente da allora...
Ricordate questa celebre canzone?
Il sindaco di tutti dopo 12 mesi...
personalmente non mi esprimo, invito solo a riflettere... non sono gli uomini a fare politica? o è la politica a fare gli uomini?

Postato da: pontck il 09-06-2008
Tutto esatto
Il giudizio espresso nell'articolo è totalmente giusto e rispecchia la verità che a qualcuno non piacerà sicuramente ma che purtroppo è sotto gli di 'tutti'. Il problema è che 'tutti', sono quei cittadini che osservano i lavori di questa amministrazione in maniera imparziale. Purtroppo la maggioranza della popolazione angrese forse non riesce a cogliere tutti i vari retroscena che ci sono stati in questo anno ma è anche vero che ciò succede perchè continua ad esserci la disinformazione su quello che realmente accade. Per cui concordo in pieno con quanto detto nell'articolo: il 'cambiamento', se fin'ora c'è stato, riguarda solo i tributi locali che sono aumentati. ...e noi zitti sotto con la nostra faccia sotto i loro piedi...

Postato da: sonniboi il 09-06-2008
12 mesi e non sentirli
1. Due vigili che lavorino alacremente e facciano rispettare leggi e codice della strada, si pagano certamente il proprio stipendio senza aggravi per il comune.Siamo da un anno a parlare di 40 vigili (cifra a dir poco allucinante, per quanto mi riguarda), ma le cose sono in fase di stallo. Assumete 2 vigili motorizzati e fate rispettare le norme, avrete certamente un ritorno sull’investimento.
2. Rendere uno spazio comunale utile per i ragazzi, in 12 mesi era cosa fattibile e con pochi soldi…..
3. Cestini per tutto il paese? I cittadini continuano a sporcare il paese. Non sporcare è più facile che pulire, se si ha dove gettare carte e rifiuti vari. I cittadini sono comunque incivili!!
4. I cassonetti? Possibile che ogni volta che ad Angri c’è un temporale, troviamo le strade piene di rifiuti e sacchetti trasportati dalla “corrente”.
5. Traffico.Le transenne della rotonda sperimentale iniziano ad arrugginirsi. Sabato dal cavalcavia della nazionale al bivio ex semaforo (via g. XXIII) ho impiegato 30 minuti, ingorgo a croce uncinata, mi sentivo Fantozzi. Una rotonda forse e, non sperimentale, andrebbe messa li e non solo.
6. Isole ecologiche? Il vero incentivo alla differenziata. Quando?
7. Parcheggi e sicurezza? Le telecamere in 15 /20 punti strategici del paese e l’obbligo di pagare i parcheggi vedi punto 1.
8. Strade con segnaletica da paese della comunità europea, un paio di tabelle luminose per indicare eventuali chiusure del centro o blocchi della circolazione per tutelare l’ambiente ed informare la popolazione su fatti rilevanti.
9. Tutte le domeniche a piedi o in bicicletta con zone centrali a traffico limitato
10. Qualche albero in più senza massacrare quelli esistenti.
11. Contatti con le aziende del territorio per l’inserimento e l’orientamento di giovani.
12. Inizio del recupero del centro storico.
13. Efficienza della macchina amministrativa a qualsiasi costo….
14. Villa comunale riportata al decoro che le compete, anche li, con regole ferree per i cittadini incivili (multe comprese).
15. Qualche area verde attrezzata per i bambini, niente di trascendentale, come quelle che si trovano anche nei paesi più sfigati.
16. Un cineforum, visto che per ora un teatro o cinema non possiamo permettercelo.

Credo che in 12 mesi molte di queste cose si sarebbero potute fare, poi se siamo alla paralisi totale e non abbiamo un euro da spendere o un’idea da portare avanti e dobbiamo rassegnarci al tira a campare, verranno tempi migliori…..tutto sta a saperlo!
Io come cittadino e come contribuente, ripeto quello già detto altre volte. La nostra quotidianità fa pietà. Lavorate almeno su questo, poi quando arriverà il fiume di denari per le opere faraoniche, abitazioni escluse, come da impegno del sindaco, saremo tutti felici e contenti di trovarci nel paese dei balocchi insieme a Lucignolo e Pinocchio.








Postato da: angrese1 il 09-06-2008
finalmente si cambia
dimenticate i referendum per coinvelgere i cittadini....
la banca del tempo....
l'innovazione nella macchina amministrativa...
ma soprattutto il cambiamento di mentalità, che non si è visto anzi si è tornati all'antico....
meditate gente

Postato da: Lealtàesolidarietà il 17-06-2008
UN' ANNO CON MAZZOLA!!!
10 GIUGNO 2007 10 GIUGNO 2008
Un'anno con Mazzola!! i suoi grandi lavori come promesso: Una piccola rotatoria in via Stabia. Grazie x il grande lavoro fatto!!







Amministrazione Comunale
Approvato il conto consuntivo 2009
Resta il problema dei residui e dei debiti fuori bilancio appartenenti alle gestioni passate. Nuovo consiglio comunale per il 30 settembre.

US ANGRI
Dimissioni di Varone, il Sindaco Mauri sgombra il campo dalle illazioni
“Siamo rimasti sorpresi, considerato l’impegno profuso dall’Amministrazione nei suoi confronti”

attualità
Campagne allagate ad Angri, c'è l'impegno della Regione a risolvere il problema
Sopralluogo del Sindaco e dell'Assessore all'Ambiente Cosenza in località Orta Longa per i lavori da fare con urgenza

POLITICA
Generazione Italia sabato 2 ottobre inaugura la sede in Piazza Sorrento
Sarà presente l'on. Italo Bocchino, capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia

Amministrazione Comunale
Dal 4 ottobre inizia la refezione nelle scuole angresi
Il costo del ticket per i buoni pasto resta invariato

POLITICA
“La Pari Opportunità nella programmazione della Pubblica Amministrazione”
L'importante ed attuale tema è stato discusso ieri sera dal Movimento Pdl Angri Donna, ispirato dall’Assessore provinciale Antonio Squillante

AMMINISTRAZIONE COMUNALE
Consiglio Comunale, riconosciuto il debito fuori bilancio di Angri Eco Servizi
Nato durante l’emergenza rifiuti del 2008, sarà finanziato con una parte dell’avanzo di amministrazione

 

Prodotti
1984

La storia non è finita. Etica, politica, laicità

La terza repubblica. Partiti contro presidenti

Tutto è Berlusconi. Radici, metafore e destinazione del tempo nuovo

ANTONIO MANZO FOTOGRAFO

LA FAVOLA

FOTOCOPIAMO

AQUARIUM

La casta. Così i politici italiani sono diventati intoccabili

MY WAY SPORT


Raccolta Differenziata
Cosa butto Domenica sera?
Questo strumento è stato realizzato gratuitamente da Angri.info. Immagini dal sito di Angri Eco Servizi
Pagine Utili
Cenni storici
Istituzioni
Associazioni
Imprese
Negozi
Professionisti
 
Artigiani
Scuola
Università
Numeri Utili (081)
Comune
Acquedotto
Guardia Medica
Vigili
Carabinieri
Protezione Civile

Polizia Stradale
Guasti Gas
CSTP
5168111
5161517
9368176
5168227
948383
947603

949666
800-016086
089 487111
Annunci Generici
Angri.info-Punto Info, Quotidiano Online. Aut.Trib. Nocera Inferiore N. 11/07 del 25/09/2007. Dir.Resp. A. Santaniello