angri.info





Home Page - Attualità - Video - Politica - Sport - Cultura & Spettacolo - InformaGiovani - Angresi nel Mondo - Contattaci - La voce degli Angresi (Forum)
"IL FEDERALISMO FISCALE, UN'OPPORTUNITA' PER IL SUD"
L'intervento del senatore Esposito (PDL) sul DPEF in discussione alle Camere.

Pubblicato da: La Redazione il 9 Luglio 2008

Riceviamo e pubblichiamo integralmente l'intervento del senatore Giuseppe Esposito in merito al Documento di Programmazione Economica e Finanziaria in cui il governo inizia a delineare le prime misure in tema di federalismo fiscale. Il senatore del Pdl, Giuseppe Esposito, ha dichiarato: “Con il DPEF e i suoi collegati si prepara il terreno al federalismo fiscale. Una sfida, questa, che porterà il Mezzogiorno ad assumere un ruolo di primo piano nel nostro Paese, grazie anche all’intervento della Banca del Sud, importante strumento operativo territoriale."

Ma per trovare un’Italia pronta al federalismo fiscale, sarà necessario effettuare dei tagli a inutili sovrastrutture dello Stato. Con l’art. 26 del DL 112 abbiamo iniziato a cambiare il volto del nostro Paese. Ora dobbiamo continuare su questa strada e pensare, per esempio, ad accorpare le funzioni dei Comuni al di sotto dei 5000 abitanti, in modo da offrire migliori servizi ai cittadini.”

L'INTERVENTO AL SENATO.Signor Presidente, Signori del Governo, Colleghe e Colleghi,
Il dibattito di oggi sul DPEF è anche l'occasione per una prima verifica parlamentare, di ciò, che questa maggioranza aveva indicato come prioritario per lo sviluppo dell'Italia.
In sintesi un piano di azione che aggredisce, in maniera nuova e definitiva, i mali endemici e di organizzazione dello stato tenendo conto della crisi mondiale sia petrolifera, che alimentare, che della stessa supervalutazione dell'euro.
Una stretegia che vede questa maggioranza impegnata su obiettivi
di riduzione dei costi dello stato,
di un piano industriale per la pubblica amministrazione,
della riduzione del peso burocratico
e per ultimo, ma non ultimo, interventi a favore dello sviluppo economico in combinazione con le imprese e le parti sociali.
In questi primi 60 giorni della legislatura abbiamo già dato un grande impulso con strumenti legislativi presentati quali ICI, RIFIUTI, potere d'acquisto, sicurezza e con il decreto 112 - sullo sviluppo, che fanno parte integrante del DPEF.
Con la nostra idea di sviluppo daremo all'Italia ulteriore slancio per uscire dalla situazione di anestesia in cui il governo precedente l'aveva ridotta.
Alcune delle misure da noi indicate nel DPEF e ne suoi collegati sono state tentate anche dalla sinistra nello scorso governo e tutti in quest'aula e nel paese sanno che alla fine sono stati archiaviate per sfinimento.
A chi, in questi giorni, tenta di criticare con vecchie logiche di mercato, o di consuetudine alla finanziaria e DPEF come sportello per trattative, rammento che quel sistema noi del PDL lo riteniamo chiuso, il vecchio modo di misurarsi ha degenerato sia conti complessivi dello stato che la stessa vita dei cittadini.
Questo nuovo modo di agire del PDL del Governo Berlusconi e di Tremonti è innovativo sia nel metodo che nella sostanza.
Si può tradurre in meno costi, più libertà, più sviluppo.
Con capitoli ad alto tasso riformista, come il nucleare, il rilancio delle liberalizzazioni dei servizi locali, le scelte di flex-security, il job-call e l'addio al salario uguale per tutti ed il posto per tutti anche se non si lavora.
Con queste norme l'Italia diventa "più amichevole" verso chi investe economicamente ed in cultura sia esso italiano che straniero.
Il DPEF e suoi collegati, danno l'impronta alla legislatura e con questo si prepara il terreno al federalismo fiscale. Con l'emanazione, entro poche settimane, di due DL sul federalismo fiscale e sul codice delle autonomie.
Modifiche che formeranno una Italia federalista e questa sarà la vera rivoluzione "copernicana" del bilancio dello stato e dei cittadini dei nostri comuni.
Una attenzione ai bisogni primari togliendo moltiplicatori ai capitali o rendite finanziarie e aumentando gli investimenti sugli uomini, sulle idee, sulla produzione.
Un federalismo con le tasse in loco, con il controllo sulle spese e sulle entrate, con un livello dei servizi misurabile e commisurato al gettito; con meno intermediazioni e senza extra gettiti politici.
Una sfida, quella del federalismo fiscale, che porterà il Sud a giocare un ruolo di primo piano, coordinato con l'intervento della banca del Sud, strumento operativo territoriale e di una fiscalità di vantaggio su cui lavorare.
Ritengo che il SUD possa essere il maggior beneficiario del federalismo fiscale e che porterà ad un vero capovolgimento delle posizioni di rendita fin qui tenute.
Gli enti locali avranno più libertà, più sicurezza, e assicureranno una quantità ed una qualità dei servizi per i cittadini migliore. Essi diventeranno parte attiva delle decisioni e delle scelte con il controllo sugli stessi amministratori.
Mi avvio a concludere questo breve intervento ricordando che per trovare un'Italia pronta al federalismo fiscale dovremo fare dei tagli a sovrastrutture inutili dello stato.
Con l'art. 26 del DL 112 abbiamo già dato inizio a cambiare il volto e dobbiamo continuare, tagliando Provincie, le Comunità Montane, Consorzi e tutto ciò che è stato creato per dare, non servizi, ma rendite di posizione sia politica che economica.
Inoltre dovremmo pensare per i Comuni sotto i 5000 abitanti di accorpare e razionalizzare le funzioni tra più Comuni per zone omogenee ed in questo modo daremo servizi migliori agli abitanti e avremo disponibilità in loco per aumentare l'attenzione dello stato e della PA verso i cittadini.
Concludo dicendo onorevoli colleghi ora c'è la possibilità di cambiare l'Italia.
Un vero e costruttivo dialogo, un vero confronto tra di noi, porterà risultati dai quali il paese ha solo da guadagnare.
Grazie




Parole chiave: Angri , Politica , Senato della Repubblica , pdl , Giuseppe Esposito , DPEF , Federalismo fiscale




COMMENTI DEGLI UTENTI ALLA NOTIZIA

Postato da: tortellino il 23-07-2008
ICI e Federalismo
Mi chiedo, ma se il Federlaismo fiscale è una così grande opportunità per il SUD perchè allora avete abolito l`unica tassa federale che era l`ICI???
Le liberalizzazioni a chi porteranno vantaggi???
Sono confuso aiutatemi ad uscirne vivo!!!
Cultivate the future







POLITICA
“La Pari Opportunità nella programmazione della Pubblica Amministrazione”
L'importante ed attuale tema è stato discusso ieri sera dal Movimento Pdl Angri Donna, ispirato dall’Assessore provinciale Antonio Squillante

US ANGRI
Dimissioni di Varone, il Sindaco Mauri sgombra il campo dalle illazioni
“Siamo rimasti sorpresi, considerato l’impegno profuso dall’Amministrazione nei suoi confronti”

pari opportunità
Vigilessa aggredita, la solidarietà della Commissione Pari Opportunità
“occorre ristabilire la cultura della civile convivenza”

VIGILI URBANI
Rosanna Ferraioli: “dotare i vigili urbani di Angri di bombolette spray anti aggressione”
La proposta della vice coordinatrice provinciale di Noi Sud

Amministrazione Comunale
Approvato il conto consuntivo 2009
Resta il problema dei residui e dei debiti fuori bilancio appartenenti alle gestioni passate. Nuovo consiglio comunale per il 30 settembre.

attualità
Campagne allagate ad Angri, c'è l'impegno della Regione a risolvere il problema
Sopralluogo del Sindaco e dell'Assessore all'Ambiente Cosenza in località Orta Longa per i lavori da fare con urgenza

POLITICA
Generazione Italia sabato 2 ottobre inaugura la sede in Piazza Sorrento
Sarà presente l'on. Italo Bocchino, capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia

 

Prodotti
LA FAVOLA

FOTOCOPIAMO

AQUARIUM

La casta. Così i politici italiani sono diventati intoccabili

MY WAY SPORT

TEICO

1984

La storia non è finita. Etica, politica, laicità

La terza repubblica. Partiti contro presidenti

Tutto è Berlusconi. Radici, metafore e destinazione del tempo nuovo


Raccolta Differenziata
Cosa butto questa sera?
Questo strumento è stato realizzato gratuitamente da Angri.info. Immagini dal sito di Angri Eco Servizi
Pagine Utili
Cenni storici
Istituzioni
Associazioni
Imprese
Negozi
Professionisti
 
Artigiani
Scuola
Università
Numeri Utili (081)
Comune
Acquedotto
Guardia Medica
Vigili
Carabinieri
Protezione Civile

Polizia Stradale
Guasti Gas
CSTP
5168111
5161517
9368176
5168227
948383
947603

949666
800-016086
089 487111
Annunci Generici
Angri.info-Punto Info, Quotidiano Online. Aut.Trib. Nocera Inferiore N. 11/07 del 25/09/2007. Dir.Resp. A. Santaniello