angri.info





Home Page - Attualità - Video - Politica - Sport - Cultura & Spettacolo - InformaGiovani - Angresi nel Mondo - Contattaci - La voce degli Angresi (Forum)
Gianluigi Esposito: “ecco ciò che volevo dire sulle attività culturali della Città di Angri”
Il presidente dell’Assoc.Luna Nova chiarisce i motivi del diverbio con la Pro Loco e avanza le sue proposte.

Pubblicato da: La Redazione il 16 marzo 2010

Egregio Direttore,
ho letto il suo articolo e condivido l’analisi che lei ha fatto. Non voglio fare polemiche e non intendevo farle domenica mattina, ma avevo sentito la necessità di intervenire per evidenziare semplicemente che il metodo scelto era inadeguato. Purtroppo, il presidente della Pro-Loco ha pensato bene di zittirmi e da qui è nato un battibecco che dispiace prima al sottoscritto.


Nelle poche cose che sono riuscito a dire ho evidenziato che il programma presentato non era all’altezza di una città come Angri e intendo spiegare il perché. Mi rifiuto di pensare che una programmazione culturale di una cittadina come la nostra possa essere composta da balletti di latino-americano, festa degli emigranti e cose simili, così come ritengo inconcepibile che la Pro-loco presenti un programma concordato con pochissime associazioni, senza comprendere che il suo compito dovrebbe essere quello di raccordo tra tutti gli operatori del settore: associazioni, scuole, artisti, commercianti, agenzie turistiche. Non voglio soffermarmi su cosa avrebbe dovuto fare la Pro-loco, tanto è inutile, sappiamo che finché sarà gestita in questo modo, si hanno poche speranze che si possa vedere pienamente realizzato il suo ruolo sul territorio.

La mia esperienza di musicista mi ha dato la possibilità di conoscere varie realtà sia in Italia che all’Estero. Ho potuto vedere da vicino che in alcune città il settore della cultura rappresenta un importantissimo fattore di sviluppo sociale ed economico. Angri si trova in una posizione geografica ottima, posta tra Napoli e Salerno, a pochi chilometri da Pompei e alle spalle della Costiera, se solo avessimo la capacità di realizzare un’offerta culturale di primissimo livello, potremmo inserirci nei programmi turistici di grandi agenzie del settore, potremmo offrire alla Costiera, che non ha teatri, spettacoli e iniziative culturali tali da attrarre l’attenzione anche di quel flusso turistico che non viene gestito dalle grandi compagnie. Per fare questo, c’è bisogno di avere coraggio e di fare dei grandi investimenti, ma soprattutto di cercare la più ampia condivisione di un progetto del genere tra tutte le forze di questa città, perché dobbiamo innanzitutto recuperare una nostra identità.

Il Castello Doria, la Casa Del Cittadino, il comparto degli ex Combattenti, i Giardini di Villa Doria e la Piazza Doria (male ristrutturata) debbono diventare il più importante polo culturale di tutta la provincia di Salerno.
Perché non abbattere quelle colonne che non servono a niente nella Casa del cittadino e creare una sala polifunzionale con 100 posti a sedere, con luci e tende da teatro, con tanto di foyer e sala mostre e perché no, un punto di ristoro, sfruttando il piccolo giardino che dà nella villa e il terrazzo? Potrebbe diventare una bomboniera e non la sala che si apre solo per dare la possibilità ai cittadini di usufruire dei servizi igienici che si trovano all’interno.
Credo che Angri abbia la più bella Villa Comunale di tutta la provincia di Salerno, personalmente ho sempre pensato che possa essere il luogo adatto per creare un grande progetto sulla musica classica, lirica e sinfonica, rassegne teatrali e iniziative come quella di Corto Globo, ma per fare questo, bisogna investire in strutture che possano renderla idonea.
La Casa del Combattente e i locali attigui potrebbero ospitare l’ufficio dell’informagiovani e un ufficio di promozione turistica, oltre ad ospitare le attività convegnistiche che oggi si fanno nella Casa del cittadino.


Il Castello Doria, dovrebbe diventare il contenitore di iniziative culturali di livello internazionale, altro che museo del pomodoro (che potrebbe realizzarsi nel centro sperimentale di via nazionale). Ho sentito dire che si vorrebbe spostare lì la sala destinata al Consiglio Comunale, sarebbe un scempio. Dovremmo destinare il primo piano ad ospitare mostre importanti e concerti classici di prestigio e trovare, infine, una sede definitiva ad una mostra importante che ha destato l’attenzione della critica specializzata in tutta Italia e oltre: UNA LUCE PER SARNO realizzata grazie alla tenacia di Ernesto Terlizzi e al sostegno dell’Amministrazione di quegli anni. Sarebbe bello chiamare le varie sale con i nomi di illustri uomini di questa città.
Abbiamo bisogno di un vero e proprio teatro, abbiamo molte industrie dismesse, dovremmo essere capaci di porci come interlocutori seri e credibili per convincere i proprietari a non costruire case e solo case, ma anche e soprattutto un grande Teatro che possa interagire con l’intera città e con le scuole, si darebbe lavoro a decine di maestranze che operano in questo settore, oltre alla creazione di una vera compagnia stabile e un centro di produzione di opere culturali da esportare in altre realtà. La prossima amministrazione deve avere il coraggio di evitare di creare commissioni speciali o consigli di amministrazione per ipotetiche società o fondazioni per la gestione del settore, perché sarebbe solo uno spreco di risorse economiche con la conseguente creazione di carrozzoni clientelari, appannaggio dei soliti furbi che cambiando tessera di partito si propongono come competenti e direttori artistici con le solite proposte effimere e senza sostanza. Anche di questi soggetti non abbiamo più bisogno!
Ci si potrebbe affidare ad un vero direttore artistico di provata esperienza che accetti la sfida e che possa usare la sua credibilità e la sua professionalità per coinvolgere enti privati ad investire in un vero programma, avendo anche il coraggio di impiegare risorse per il suo ingaggio che deve essere rinnovato solo sulla base dei risultati, ma ripeto, uno solo che debba prendersi la responsabilità, niente consulenti, segreterie e quant’altro, deve essere coadiuvato dall’ufficio comunale preposto. Punto.
Dobbiamo creare un marchio culturale che possa acquistare negli anni un valore tale da attrarre investimenti e considerazione sul piano nazionale e internazionale, così come per il Giffoni Festival, ma soprattutto che possa essere l’elemento in cui si riconosce una intera comunità che vuole e deve recuperare una sua identità.

Naturalmente queste sono solo alcune delle tantissime cose da fare in questo settore che potrebbe aprire sulla città un enorme flusso economico e turistico, sono convinto che se aprissimo un dibattito serio verranno fuori decine di proposte migliori di quelle che ho elencato, ma dobbiamo confrontarci!

Gianluigi Esposito




Parole chiave: Angri , Attualità , Cultura , Gianluigi Esposito , associazione Luna Nova , Pro Loco




COMMENTI DEGLI UTENTI ALLA NOTIZIA

Questa notizia non ha ancora ricevuto commenti





arte e cultura ad Angri
Successo di pubblico e di critica per la mostra “Segni e Materie Incise”
Le opere di Maria La Mura resteranno esposte fino al 3 ottobre. La presentazione di Ernesto Terlizzi

CRONACA
Viene multata, aggredisce la vigilessa sotto casa in Piazza Annunziata
Autrice del grave episodio di violenza un'altra donna . Il Sindaco Mauri : “tolleranza zero”.

attualità
Campagne allagate ad Angri, c'è l'impegno della Regione a risolvere il problema
Sopralluogo del Sindaco e dell'Assessore all'Ambiente Cosenza in località Orta Longa per i lavori da fare con urgenza

opere d arte da salvare
La Cappella Pisacane, un gioiello d’arte da recuperare
Il prof. Sergio Amato chiede l’intervento dell’Amministrazione Comunale per il restauro delle opere d’arte risalenti al 1600

Amministrazione Comunale
Dal 4 ottobre inizia la refezione nelle scuole angresi
Il costo del ticket per i buoni pasto resta invariato

attualità
Incontro sui problemi del Distretto Sanitario
Mercoledì 29 settembre ore 20,00 Casa del Cittadino

ASSOCIAZIONI E TERRITORIO
Al via la decima edizione de “Il Paese dei Balocchi”
Si terrà in Piazza Annunziata, durerà tre giorni a partire da oggi, ed è rivolta a tutti i bambini di Angri

 

Prodotti
ANTONIO MANZO FOTOGRAFO

LA FAVOLA

FOTOCOPIAMO

AQUARIUM

MY WAY SPORT

TEICO


Raccolta Differenziata
Cosa butto questa sera?
Questo strumento è stato realizzato gratuitamente da Angri.info. Immagini dal sito di Angri Eco Servizi
Pagine Utili
Cenni storici
Istituzioni
Associazioni
Imprese
Negozi
Professionisti
 
Artigiani
Scuola
Università
Numeri Utili (081)
Comune
Acquedotto
Guardia Medica
Vigili
Carabinieri
Protezione Civile

Polizia Stradale
Guasti Gas
CSTP
5168111
5161517
9368176
5168227
948383
947603

949666
800-016086
089 487111
Annunci Generici
Angri.info-Punto Info, Quotidiano Online. Aut.Trib. Nocera Inferiore N. 11/07 del 25/09/2007. Dir.Resp. A. Santaniello