angri.info





Home Page - Attualità - Video - Politica - Sport - Cultura & Spettacolo - InformaGiovani - Angresi nel Mondo - Contattaci - La voce degli Angresi (Forum)
Per chi ha votato Giovanni Padovano?
Elezioni. L'intervento di Gianluigi Esposito (Pd)

Pubblicato da: La Redazione il 25 aprile 2008

Egregio direttore,
Le elezioni politiche hanno sancito la vittoria aspettata del PDL, ma cosa è successo ad Angri?
Nella nostra cittadina il centro destra con il 59% dei consensi ha confermato il dato del 2006, contando sia sull’appoggio dell’attuale amministrazione, sia sull’impegno dei due candidati locali: al senato Giuseppe Esposito e alla camera Massimiliano Mazzola. Il PD, senza rappresentanti in consiglio comunale ed in amministrazione, si è attestato intorno al 24% dei voti. Guardando questi dati, mi sono chiesto per chi o per che cosa abbia fatto la campagna elettorale Giovanni Padovano.


Giovanni Padovano e Bonaventura Manzo (ex ulivo)
Ve lo ricordate? Quello che era stato il candidato a Sindaco de l’Ulivo, sì proprio lui. Facciamo un poco di storia per chi non ha seguito tutti i passaggi dell’ultimo anno. All’indomani delle elezioni amministrative del 2007 il centro destra, benché risultasse vincitore al ballottaggio, aveva eletto solo 7 consiglieri, mentre il centro sinistra, aveva raggiunto un’ampia maggioranza con 13 consiglieri comunali, 2 dei quali erano stati eletti nella lista de l’Ulivo: Giovanni Padovano e Bonaventura Manzo. I due ulivini, d’accordo con uno sparuto gruppetto di desaparecidos ex margheritini alla ricerca di fantasiose vendette, decidono di rompere ogni tipo di rapporto con il nascente Partito Democratico e immediatamente danno il loro sostegno all’amministrazione Mazzola, giustificando tale scelta con la seguente motivazione: PER IL BENE DI ANGRI.

A dire il vero, i due consiglieri diventano determinanti per la sopravvivenza dell’ amministrazione stessa, e questo, si sa, costa. Questo stato di cose, nel lungo periodo, comincia a infastidire alcuni consiglieri eletti nel centro destra e che in campagna elettorale avevano conquistato il voto sull’onda del FINALMENTE SI CAMBIA e così, cominciano a fare arrivare al Sindaco il loro disappunto. Mazzola stesso si rende conto che non può diventare ostaggio di due soggetti che, per il troppo amore verso Angri, pretendono di sedersi allo stesso tavolo del centrodestra facendo pesare il loro appoggio. A questo punto affida al fratello Massimiliano la strategia per uscire fuori da questa condizione svantaggiosa.

Il primogenito Mazzola rivela doti di abile tessitore e piano piano, riesce a costruire intorno al fratello una maggioranza stabile. Porta due consiglieri eletti nello schieramento di centrosinistra nel nuovo PDL e quindi a sostegno diretto della maggioranza, ma si produce in un autentico capolavoro quando riesce, con il consenso degli ex marghertini che nel frattempo si sono avvicinati al partito di Berlusconi grazie a parentele ed amicizie varie, a fare aderire Bonaventura Manzo, isolando di fatto Giovanni Padovano. Questi incassa il colpo mascherandolo con un sorrisetto striminzito, ma i bene informati giurano che ci è rimasto molto male, tanto che nell’ultimo consiglio comunale non si allinea con la nuova maggioranza.

I lettori vorranno sapere cosa nel frattempo aveva fatto il PD per tentare di fare rinsavire sia Manzo che Padovano. I tre membri dell’Assemblea regionale del PD, eletti con le primarie di ottobre (Giuseppe La Mura, Enzo Gallo, Gina Fusco) hanno più volte tentato di stabilire un contatto con i due “ulivi”, fissando diversi incontri a cui non hanno mai preso parte, ad eccezione di una sola riunione a cui partecipò il consigliere Manzo che in quella occasione ci mise al corrente della sua decisione di passare con il PDL, ma Padovano si è sempre sottratto a tutti gli incontri e per tale ragione si è ricorso al coordinatore provinciale del PD Michele Figliulo.
Convocati a Salerno, i due consiglieri giurano fedeltà al centrosinistra giustificando il loro comportamento con il solo fatto che se fosse caduta l’amministrazione, l’Udeur, nell’ambito del centrosinistra, avrebbe rivendicato la candidatura a Sindaco, assicurando però, che appena ci fossero state le condizioni, avrebbero scaricato la giunta Mazzola, ma al primo consiglio comunale, dopo questo incontro, il buon Padovano, pubblicamente dichiara che il coordinatore provinciale ha dato il via libera al sostegno pieno all’amministrazione, provocando di fatto l’ira e la smentita di Figliulo. Ora per ritornare alla domanda iniziale, per chi avrà votato Giovanni Padovano, per il PDL o per il PD? Non avrà mica dato entrambi i voti? Forse, però, entrambi li ha promessi..
Auguri al neo Senatore Giuseppe Esposito, complimenti a Massimiliano Mazzola, anche se qualche manifesto in meno poteva metterlo, e incoraggiamenti agli altri candidati come Daniele Postiglione e Ciro Francese che hanno dato la loro disponibilità a correre in posizione nobile.
Mi scuso con i lettori per la lungaggine di questo racconto, ma la cosa mi faceva troppo ridere.
Gianluigi Esposito

P.S. Notizie dell’ultima ora: Giovanni Padovano stasera era presente ai festeggiamenti della vittoria del PDL all’Hotel Baia di Salerno. FINALMENTE SI CAMBIA…




Parole chiave: Angri , Politica , Massimiliano Mazzola , Giovanni Padovano , Bonaventura Manzo , Gianluigi Esposito , elezioni politiche




COMMENTI DEGLI UTENTI ALLA NOTIZIA

Postato da: efansaba il 27-04-2008
a proposito di coerenza...
Ho letto l'articolo di Gianluigi Esposito che mi trova pienamente d'accordo.
L'atteggiamento dei due consiglieri comunali Giavanni Padovano e Bonaventura Manzo, eletti alle passate amministrative nelle file dell'Ulivo, è grave e dimostra l'incoerenza e l'inconsistenza di un serio progetto politico, e una gestione del proprio ruolo in senso privatistico, che tradisce di fatto gli elettori che gli hanno dato la propria fiducia e che oggi si accorgono che il loro voto è andato al centro-destra. Credo, altresì, che il PD angrese, anche in virtù dei consensi che ha ottenuto a livello nazionale e che oggi rappresenta l'unica alternativa al centro-destra, debba prendere una posizione pubblica e netta nei confronti dei due consiglieri e attivarsi per far emergere tutte le contraddizioni di un'amministrazione che vive solo in virtù dell'inesistenza di un'opposizione e di una continuo travaso di consiglieri da una parte all'altra, che di fatto neutralizzano qualsiasi azione politica e consentono alla maggioranza di gestire la cosa pubblica come un fatto privato e personale. Un'amministrazione che ha dimostrato in questi mesi di essere totalmente incapace di rilanciare socialmente ed economicamente il nostro Paese; un’amministrazione che non ha mosso un dito rispetto alla morte in questi mesi di operai sul nostro territorio; un'amministrazione che ha permesso nelle ultime elezioni politiche di imbrattare con i manifesti del proprio schieramento tutta la città; un'amministrazione che cambia continuamente volto dimostrando incoerenza e pressappochismo. Un esempio di tale situazione è la commemorazione del 25 aprile che si è tenuta ad Angri: quale senso ha, in un giorno così importante per la conquista democratica dell'Italia, la presenza di majorette e di personaggi medievali in un contesto del genere? Lo stesso assessore alla cultura Francesco Fasolino, esponete del centro-sinistra, ma anch’egli prestato alla causa del centro-destra, presente alla manifestazione come esponente dell’amministrazione, non si è opposto a questa "carnevalata". Lascio alle cittadini la risposta a queste domande, come lascio ai cittadini il giudizio sull’azione di governo del Sindaco Mazzola dal suo insediamento.
Questa amministrazione oggi ha le mani libere per poter gestire come vuole il potere, non trovando un'opposizione credibile e efficiente. L’invito e la critica che rivolgo a tutto il centro-sinistra è quello di uscire da ogni sorta di tatticismo politico interno e di contrapposizione e di iniziare una vera e propria azione di contrasto all’immobilismo e all’apatia che oggi si respira nel nostro paese e di costringere l'amministrazione e il sindaco Mazzola a lavorare per l'interesse del Paese e non per l'interesse di qualche consigliere comunale.

Stefano Sabatino


Postato da: pontck il 28-04-2008
La cosa pubblica
Purtroppo la cosiddetta 'cosa pubblica' fa gola a tutti, sia a quelli di uno schieramento che a quelli dell'altro. Non credo che il 'rimanente' centro sinistra ad Angri abbia la maturità e la possibilità di uscire allo scoperto e sconfessare i due consiglieri (Manzo e Padovano). Non lo credo perchè ad Angri la politica è sempre stata troppo piena di personalismi e clientele, dimenticando che tutti coloro che siedono sulle 'poltrone' del consiglio comunale ci sono state messe da una volontà popolare che li ha legittimato solo per poter amministrare in maniera efficiente la 'cosa pubblica'. Invece cambiano le persone e gli strumenti ma la musica è sempre la stessa. Tornando al centro sinistra: il risultato elettorale locale dimostra ancor di più la disaffezione che ha la gente per i 'rappresentanti' locali che mi sembrano sempre più abbarbicati in una loro realtà che sicuramente non è quella della gente. In qaunto al PDL e al sindaco: l'unico cambiamento è la città un poco più pulita(ma questo nn credo sia merito dell'amministrazione ma del fatto che le discariche sono aperte...). Per il resto tutto tace....







AMMINISTRAZIONE COMUNALE
Consiglio Comunale, riconosciuto il debito fuori bilancio di Angri Eco Servizi
Nato durante l’emergenza rifiuti del 2008, sarà finanziato con una parte dell’avanzo di amministrazione

attività sociali
Continuano gli spettacoli di animazione per bambini
E’ la volta di via Orta Longa, località Avagliana, sabato 2 ottobre alle ore 17,00

POLITICA
E’ dibattito tra i giovani angresi di destra
Il Movimento Nova Luce risponde al manifesto di Azione Giovani

US ANGRI
Dimissioni di Varone, il Sindaco Mauri sgombra il campo dalle illazioni
“Siamo rimasti sorpresi, considerato l’impegno profuso dall’Amministrazione nei suoi confronti”

pari opportunità
Vigilessa aggredita, la solidarietà della Commissione Pari Opportunità
“occorre ristabilire la cultura della civile convivenza”

VIGILI URBANI
Rosanna Ferraioli: “dotare i vigili urbani di Angri di bombolette spray anti aggressione”
La proposta della vice coordinatrice provinciale di Noi Sud

Amministrazione Comunale
Approvato il conto consuntivo 2009
Resta il problema dei residui e dei debiti fuori bilancio appartenenti alle gestioni passate. Nuovo consiglio comunale per il 30 settembre.

 

Prodotti
Tutto è Berlusconi. Radici, metafore e destinazione del tempo nuovo

ANTONIO MANZO FOTOGRAFO

LA FAVOLA

FOTOCOPIAMO

AQUARIUM

La casta. Così i politici italiani sono diventati intoccabili

MY WAY SPORT

TEICO

1984

La storia non è finita. Etica, politica, laicità


Raccolta Differenziata
Cosa butto questa sera?
Questo strumento è stato realizzato gratuitamente da Angri.info. Immagini dal sito di Angri Eco Servizi
Pagine Utili
Cenni storici
Istituzioni
Associazioni
Imprese
Negozi
Professionisti
 
Artigiani
Scuola
Università
Numeri Utili (081)
Comune
Acquedotto
Guardia Medica
Vigili
Carabinieri
Protezione Civile

Polizia Stradale
Guasti Gas
CSTP
5168111
5161517
9368176
5168227
948383
947603

949666
800-016086
089 487111
Annunci Generici
Angri.info-Punto Info, Quotidiano Online. Aut.Trib. Nocera Inferiore N. 11/07 del 25/09/2007. Dir.Resp. A. Santaniello