angri.info





Home Page - Attualità - Video - Politica - Sport - Cultura & Spettacolo - InformaGiovani - Angresi nel Mondo - Contattaci - La voce degli Angresi (Forum)
Rotatorie in via Giovanni XXIII, servono veramente?
L’intervento previsto dal Comune potrebbe peggiorare la vivibilità e danneggiare tutte le attività commerciali della zona

Pubblicato da: Domenico Basile il 28 luglio 2008

sarà così la nuova viabilità?
Egregio direttore, le scrivo per far conoscere ai cittadini angresi quanto previsto dall’ufficio viabilità del Comune riguardo Via Papa Giovanni XXIII. Il progetto, modificato negli ultimi giorni, prevede un intervento molto simile a quello effettuato su Via G.D’anna. Su Via Papa G. sono previste tre rotatorie, una già in funzione all’incrocio di Via Stabia, la seconda all’incrocio di Via Madonna delle Grazie e la terza all’incrocio di Via Crocifisso.

Da poco è iniziata la costruzione della rotatoria all’incrocio di Via Madonna delle Grazie. Via P.Giovanni nonostante sia percorsa da molti autoveicoli non ha mai avuto grossi problemi di congestione, se non per quei pochi minuti in relazione all’uscita delle scuole ed alla presenza della fiera-mercato del sabato mattina.In particolare l’incrocio di Via Madonna delle Grazie non ha mai dato problemi anche riguardo alla sicurezza. Poiché vivo e lavoro da sempre in prossimità di detto incrocio, la settimana scorsa ho chiesto un incontro chiarificatore all’assessore al ramo, l 'Ing. Gilblas si è reso subito disponibile.
Mi è stato spiegato che una Direttiva Europea prevede l’eliminazione delle intersezioni stradali e che la rotatoria di Via Madonna delle Grazie è necessaria perché fa parte di un sistema più complesso che mira a convogliare tutto il traffico di Via P.Giov. su di essa, sia quello proveniente dalla rotatoria di Via Stabia sia quello proveniente (dalla prevista rotatoria) da Via Crocifisso.Il tutto è finalizzato ad eliminare le svolte a sx.I camion, per un’eventuale svolta nella 167, potranno fare inversione solo all’incrocio di Via Crocifisso, la rotatoria di Via M.G. è troppo piccola per consentire la manovra. Inoltre la strada sarà dotata di striscia bianca continua ed in seguito di cordolo basso di gomma.


Più volte mi è stato ripetuto che il tutto è in fase sperimentale, (durerà appena sei mesi) ed alla fine si trarranno le opportune considerazioni. Le mie domande hanno avuto risposte molto complesse che hanno acuito le mie perplessità . A mio avviso, le cose semplici sono le più efficaci.

Secondo me, è fin troppo evidente che diventerà pericoloso il transito degli articolati intorno alla piccola rotatoria, soprattutto il camion dei Pompieri avrà problemi vista l’esiguità del raggio giratorio e la ristrettezza della corsia.
Vorrei dire al progettista che la direttiva non obbliga a eliminare le intersezioni in ambito urbano, (è fatto obbligo solo per le strade nuove extra/urbane, altrimenti si dovrebbero eliminare tutte le intersezioni urbane ed in tutte le città), ne tantomeno di costruire rotatorie in ogni dove. Piuttosto fa obbligo di corredare il progetto di ogni nuova realizzazione (anche in ambito urbano) non solo di studio preliminare di fattibilità (fatto?) ,ma anche d’impatto ambientale (VIA) ed il tutto deve essere reso pubblico, inoltre ci sono soglie che stabiliscono la fattibilità anche della sola sperimentazione.Scelte avventate e tutt’altro che pratiche possono arrecare danno a molti.

Si pone quindi, a mio avviso, la questione di una progettazione moderata,discussa e adatta al contesto, invece spesso ci si affida ad esperienze e tecniche copiate,a volte piene di errori ,spesso male interpretate e quasi mai contestualizzate. Un’analisi ben fatta dei progetti porta ad una classificazione delle alternative disponibili ed alla valutazione delle conseguenze e poi…visto che sono i cittadini a subire ci vuole un’esplicitazione pubblica della scelta. Altresì il tutto non può essere ridotto ai soli freddi calcoli algebrici. La strada non può essere considerata unicamente come luogo di transito degli autoveicoli; essa è piuttosto uno spazio urbano, un sistema stratificatosi negli anni con continue giust’apposizioni che assolvono diverse funzioni utili alla collettività . .L o “ spazio strada” deve essere considerato come un sistema misto,fatto di case, di negozi, di attività varie, di verde ed altro, utilizzato non solo da autoveicoli ma anche da pedoni , ciclisti e da gente che lavora, vive o gravita su di essa. La strada,da sempre, è fatta da un insieme di relazioni che permettono agli individui di soddisfare i bisogni,le diverse esigenze quasi sempre s’incontrano perché trovano negli anni un equilibrio spontaneo. Provate ora ad immaginare una strada cittadina senza negozi. Deprimente, vero?

Una visione giusta e lungimirante porta a considerare tutto il vissuto, questo limiterebbe gli interventi magari solo alla riqualificazione dell’arredo urbano e a qualche piccolo aggiustamento. Cambiare si, stravolgere no! Non si scherza con il lavoro altrui!
Intervenire a cuor leggero, in altre parole senza prendere per niente in considerazione l’intorno attraversato dalle strade, può significare la morte commerciale di una Via con il conseguente cambio repentino del destino di varie famiglie. Le attività commerciali rappresentato un lavoro per tanti, sono il frutto di una storia che dura da decenni e sono un patrimonio per Angri che non può essere cancellato da qualsivoglia amministratore. Chi non capisce questo non può più amministrare questo paese!
E poi, non è questo il modo di ridurre il traffico, diverse esperienze portano ad affermare che c’è la necessità di ridurre la domanda di mobilità individuale, ovvero gli spostamenti in auto incrementando i trasporti pubblici, i parcheggi, i pulmini per il trasporto degli studenti etc… Il piano urbanistico (PUC) nel porre la città in relazione alle modalità o meglio all’intermodalità di trasporto può dare risposte serie anche in quest’ambito.
Perché tutto tace in questo settore?
Angri 26/07/2008

Domenico Brasile
Allego mio schema semplificato.




Parole chiave: Angri , Viabilità , Vincenzo Gilblas , Amministrazione Comunale , rotatorie , via Giovanni XXIII




COMMENTI DEGLI UTENTI ALLA NOTIZIA

Questa notizia non ha ancora ricevuto commenti





Amministrazione Comunale
Dal 4 ottobre inizia la refezione nelle scuole angresi
Il costo del ticket per i buoni pasto resta invariato

US ANGRI
Dimissioni di Varone, il Sindaco Mauri sgombra il campo dalle illazioni
“Siamo rimasti sorpresi, considerato l’impegno profuso dall’Amministrazione nei suoi confronti”

Amministrazione Comunale
Approvato il conto consuntivo 2009
Resta il problema dei residui e dei debiti fuori bilancio appartenenti alle gestioni passate. Nuovo consiglio comunale per il 30 settembre.

attualità
Campagne allagate ad Angri, c'è l'impegno della Regione a risolvere il problema
Sopralluogo del Sindaco e dell'Assessore all'Ambiente Cosenza in località Orta Longa per i lavori da fare con urgenza

US ANGRI
Nicola Varone si è dimesso da presidente dell’Us Angri
In un comunicato stampa la decisione, dettata da motivi personali.

POLITICA
Generazione Italia sabato 2 ottobre inaugura la sede in Piazza Sorrento
Sarà presente l'on. Italo Bocchino, capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia

opere d arte da salvare
La Cappella Pisacane, un gioiello d’arte da recuperare
Il prof. Sergio Amato chiede l’intervento dell’Amministrazione Comunale per il restauro delle opere d’arte risalenti al 1600

 

Prodotti
ANTONIO MANZO FOTOGRAFO

LA FAVOLA

FOTOCOPIAMO

AQUARIUM

MY WAY SPORT

TEICO


Raccolta Differenziata
Cosa butto questa sera?
Questo strumento è stato realizzato gratuitamente da Angri.info. Immagini dal sito di Angri Eco Servizi
Pagine Utili
Cenni storici
Istituzioni
Associazioni
Imprese
Negozi
Professionisti
 
Artigiani
Scuola
Università
Numeri Utili (081)
Comune
Acquedotto
Guardia Medica
Vigili
Carabinieri
Protezione Civile

Polizia Stradale
Guasti Gas
CSTP
5168111
5161517
9368176
5168227
948383
947603

949666
800-016086
089 487111
Annunci Generici
Angri.info-Punto Info, Quotidiano Online. Aut.Trib. Nocera Inferiore N. 11/07 del 25/09/2007. Dir.Resp. A. Santaniello