angri.info





Home Page - Attualità - Video - Politica - Sport - Cultura & Spettacolo - InformaGiovani - Angresi nel Mondo - Contattaci - La voce degli Angresi (Forum)
Ernesto Giacomaniello e Luigi La Mura, ecco chi erano i due soldati angresi che sopravvissero ai campi di sterminio nazisti
U na medagli d’onore è stata consegnata ai figli nella “Giornata della memoria”

Pubblicato da: Enzo Vaccaro il 28 gennaio 2009

Il 27 gennaio 2009 commemorazione della “Giornata della memoria”, una data che certamente rimarrà scolpita nei cuori e nella mente dei familiari di Luigi La Mura ed Ernesto Giacomaniello testimoni di un momento particolarmente importante che ha destato entusiasmo e soddisfazione tra conoscenti e amici.

L’aver voluto riconoscere la medaglia d’onore che il prefetto di Salerno dottor Claudio Meoli e il sindaco Mazzola hanno tributato alla memoria dei due sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti durante gli anni bui della seconda guerra mondiale è stato il riconoscimento ufficiale di tanti sacrifici e privazioni.

Il riconoscimento tributato alla memoria, ha inorgoglito i figli dottor Giuseppe La Mura già sindaco di Angri e il signor Berardino Giacomaniello che commossi hanno ritirato l’alta onorificenza. Purtroppo il meritato e giusto riconoscimento è giunto in ritardo, forse troppo perchè sia Luigi La Mura che Ernesto Giacomaniello hanno pensato bene di assentarsi per andare “lassù” a ritrovare i compagni di prigionia e con loro godere di quelle soddisfazioni che la vita o almeno parte di essa ha voluto negare.

Due vite parallele quella di Ernesto e Luigi, internati in due distinti campi di prigionia, inconsapevoli di vivere la stessa drammatica esperienza, due vite appese ad un filo sotto la minaccia costante di aguzzini inumani.

Luigi Giacomaniello, falegname, nacque ad Angri il 7 settembre del 1918, fu fatto prigioniero dai tedeschi in Albania per essere poi trasferito in Germania nel lager di Buchenwald perdendo subito la propria identità per assumere la matricola 03185. Ho scoperto il mondo dei lager attraverso i racconti di mio padre, ci dice il figlio Berardino subito dopo aver ricevuto l’alto riconoscimento, fu fatto prigioniero in Albania insieme a Calogero Sparacino di Agrigento con cui ha condiviso sofferenze incredibili prima a Buchenwald e poi nelle gallerie del Kz Dora dove si costruivano i famosi V1 e V2 e dal quale uscirono vivi con la stessa medesima fortuna dopo aver assistito a martiri, nefandezze di ogni genere, angherie, maltrattamenti e omicidi gratuiti. Ho voluto ricordarne la memoria trascrivendo le orribili storie che intorno al modesto desco familiare amava raccontare mio padre, dice Berardino, su due pubblicazioni, “La vita... in punta di piedi e Da Buchenwald a Dora: testimonianze dai lager”, due documenti che raccontano per bocca di Ernesto Giacomaniello attraverso la penna del figlio Berardino le speranze mai sopite di una liberazione e di un agognato ritorno presso i propri familiari.


Non meno avventurosa fu la drammatica esperienza di Luigi La Mura, nato ad Angri il 16 settembre del 1921. Nel 1943 il soldato La Mura era aggregato alla 59° compagnia marconisti telegrafisti, fu fatto prigioniero dai Tedeschi a Tripolis in Grecia subito dopo l’armistizio. Internato nel campo di Stalag III D nell’ottobre del ’43 assunse la matricola di 63927. Fu inviato al lavoro coatto presso la ditta Hans Vindof Noichel Strasse dal novembre del ’43 al gennaio ’44 data della distruzione del campo per bombardamento. Il lavoro svolto era di radiatorista per automezzi e saldatore autogeno, successivamente fu manovale di muratore per lavori di ricostruzione del Campo di concentramento per esser poi ricoverato nell’ospedale di Berlino per la malaria contratta in Grecia. Fu liberato a Berlino nel ’45 per essere curato poi in Italia presso l’ospedale militare di S. Ambrogio di Varese.

Due vite parallele, due esempi di un immane sacrificio a perenne memoria delle future generazioni di una tragedia che ha segnato il mondo intero.
Vincenzo Vaccaro




Parole chiave: Angri , Attualità , Luigi La Mura , Ernesto Giacomaniello , giornata della memoria , commemorazioni




COMMENTI DEGLI UTENTI ALLA NOTIZIA

Questa notizia non ha ancora ricevuto commenti





CRONACA
Viene multata, aggredisce la vigilessa sotto casa in Piazza Annunziata
Autrice del grave episodio di violenza un'altra donna . Il Sindaco Mauri : “tolleranza zero”.

arte e cultura ad Angri
Successo di pubblico e di critica per la mostra “Segni e Materie Incise”
Le opere di Maria La Mura resteranno esposte fino al 3 ottobre. La presentazione di Ernesto Terlizzi

attualità
Campagne allagate ad Angri, c'è l'impegno della Regione a risolvere il problema
Sopralluogo del Sindaco e dell'Assessore all'Ambiente Cosenza in località Orta Longa per i lavori da fare con urgenza

opere d arte da salvare
La Cappella Pisacane, un gioiello d’arte da recuperare
Il prof. Sergio Amato chiede l’intervento dell’Amministrazione Comunale per il restauro delle opere d’arte risalenti al 1600

Amministrazione Comunale
Dal 4 ottobre inizia la refezione nelle scuole angresi
Il costo del ticket per i buoni pasto resta invariato

attualità
Incontro sui problemi del Distretto Sanitario
Mercoledì 29 settembre ore 20,00 Casa del Cittadino

ASSOCIAZIONI E TERRITORIO
Al via la decima edizione de “Il Paese dei Balocchi”
Si terrà in Piazza Annunziata, durerà tre giorni a partire da oggi, ed è rivolta a tutti i bambini di Angri

 

Prodotti
ANTONIO MANZO FOTOGRAFO

LA FAVOLA

FOTOCOPIAMO

AQUARIUM

MY WAY SPORT

TEICO


Raccolta Differenziata
Cosa butto Domenica sera?
Questo strumento è stato realizzato gratuitamente da Angri.info. Immagini dal sito di Angri Eco Servizi
Pagine Utili
Cenni storici
Istituzioni
Associazioni
Imprese
Negozi
Professionisti
 
Artigiani
Scuola
Università
Numeri Utili (081)
Comune
Acquedotto
Guardia Medica
Vigili
Carabinieri
Protezione Civile

Polizia Stradale
Guasti Gas
CSTP
5168111
5161517
9368176
5168227
948383
947603

949666
800-016086
089 487111
Annunci Generici
Angri.info-Punto Info, Quotidiano Online. Aut.Trib. Nocera Inferiore N. 11/07 del 25/09/2007. Dir.Resp. A. Santaniello