angri.info





Home Page - Attualità - Video - Politica - Sport - Cultura & Spettacolo - InformaGiovani - Angresi nel Mondo - Contattaci - La voce degli Angresi (Forum)
I contribuenti non pagano? Vendiamo gli immobili.
All’esame dell’Amministrazione Mazzola una “vecchia idea” per la dismissione del patrimonio comunale

Pubblicato da: Pippo Della Corte il 10 novembre 2007

Tiene ancora banco la situazione finanziaria del Comune. Dai dati diffusi dall’ufficio ragioneria dell’ente e riportati all’interno della relazione firmata dall’assessore alle finanza Antonio Squillante si è appreso che il Comune potrebbe chiudere il 2007 con un deficit di un milione di euro. Due miliardi di vecchie lire che potrebbero pesare notevolmente anche alla luce delle spese da affrontare. Alla luce di ciò si potrebbe riaffacciare l’ipotesi, già circolata durante la gestione del sindaco Giuseppe La Mura, di alienare alcuni beni immobili comunali.

Il regolamento comunale per la vendita dei beni immobili non fu approvato in tempo utile dalla compagine amministrativa targata Ds - Margherita. L’ipotesi potrebbe ora riaffacciarsi, sebbene nulla in tal senso è avvenuto. Si tratterebbe solo di indiscrezioni non confermate da fatti. La vendita di alcuni beni di proprietà del Comune potrebbe almeno in parte rispondere alle esigenze di liquidità dell’ente. Una modesta ancora di salvezza per la forte carenza di denaro nelle casse comunali.

Da un elenco si è appreso che il Comune è proprietario di numerosi suoli agricoli posti nelle aree periferiche e di alcuni immobili ubicati nel centro cittadino. Numerosi terreni sono stati dati in locazione a “prezzi politici” e si troverebbero in località Orta Corcia e Palmentello. Tra i suoli figura anche l’area del Chianiello. Gli immobili sono invece dislocati tra il centro storico e corso Vittorio Emanuele. Tra essi figurano l’ex casa del fascio Palazzo Forno, dove attualmente è ospitato l’istituto professionale per l’agricoltura, alcuni garages posti nei pressi della scuola media Opromolla, un palazzo di tre piani posto tra via Semetelle e corso Vittorio Emanuele, al cui interno sono ubicati gli uffici dell’Asl SA1, e altri immobili ubicati nella parte antica della città dati in locazione ad alcuni commercianti.

Da una prima approssimativa stima il valore dei beni ammonterebbe a circa cinque milioni di euro. Un importo non elevato che potrebbe garantire però una vitale boccata di ossigeno alle esangui casse locali. Dovrà essere un regolamento comunale a stabilire i criteri, la tempistica ed ad individuare eventuali soggetti specializzati per la valutazione, la gestione e la eventuale vendita dei beni. Niente per ora si è mosso in questa direzione anche in considerazione del fatto che occorrerà capire se tecnicamente l’alienazione potrà essere formalizzata.

Resterebbero esclusi da una eventuale vendita gli immobili storici di maggiore pregio tra cui il Castello Doria, la villa Comunale, la casa ex combattenti, l’ex casino sociale. Escluse anche le strutture scolastiche e sportive, e ovviamente l’attuale sede municipale di piazza Crocifisso. Dovrà essere l’attuale compagine amministrativa a dover compiere una valutazione in merito a quanto già ventilato durante la passata gestione.



Parole chiave: Angri , Giuseppe La Mura , Gianpaolo Mazzola , Antonio Squillante , vendita immobili comunali




COMMENTI DEGLI UTENTI ALLA NOTIZIA

Postato da: alchemy il 12-11-2007
Ci vuole cosi tanto?
Se ho capito bene lo sbilancio negativo è di cirda 2 miliardi delle vecchie lire.
Se i crediti, (come è stato affermato) sono 60 miliardi delle vecchie lire, mi chiedo, e se si tentasse di incassasse almeno il 10% del credito (quindi con una altissima percentuale di inesigibilità pari al 90%) avremo una entrata di 6 miliardi di lire.
Facendo un rapido misero conteggio avremmo risanato le perdite, e in più 4 miliardi di lire nelle casse comunali
Ci vuole una laurea con lode per capire questo?
Qualcuno muova il sedere dalla poltrone e si dia da fare.








POLITICA
“La Pari Opportunità nella programmazione della Pubblica Amministrazione”
L'importante ed attuale tema è stato discusso ieri sera dal Movimento Pdl Angri Donna, ispirato dall’Assessore provinciale Antonio Squillante

US ANGRI
Nicola Varone si è dimesso da presidente dell’Us Angri
In un comunicato stampa la decisione, dettata da motivi personali.

POLITICA
Generazione Italia sabato 2 ottobre inaugura la sede in Piazza Sorrento
Sarà presente l'on. Italo Bocchino, capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia

opere d arte da salvare
La Cappella Pisacane, un gioiello d’arte da recuperare
Il prof. Sergio Amato chiede l’intervento dell’Amministrazione Comunale per il restauro delle opere d’arte risalenti al 1600

Amministrazione Comunale
Dal 4 ottobre inizia la refezione nelle scuole angresi
Il costo del ticket per i buoni pasto resta invariato

DIASPORA DI CENTRO DESTRA
“Adesso Basta! Le nostre aspettative sono state disattese ”
I militanti angresi di Azione Giovani lasciano il Popolo della Libertà

attualità
Incontro sui problemi del Distretto Sanitario
Mercoledì 29 settembre ore 20,00 Casa del Cittadino

 

Prodotti
ANTONIO MANZO FOTOGRAFO

LA FAVOLA

FOTOCOPIAMO

AQUARIUM

MY WAY SPORT

TEICO


Raccolta Differenziata
Cosa butto questa sera?
Questo strumento è stato realizzato gratuitamente da Angri.info. Immagini dal sito di Angri Eco Servizi
Pagine Utili
Cenni storici
Istituzioni
Associazioni
Imprese
Negozi
Professionisti
 
Artigiani
Scuola
Università
Numeri Utili (081)
Comune
Acquedotto
Guardia Medica
Vigili
Carabinieri
Protezione Civile

Polizia Stradale
Guasti Gas
CSTP
5168111
5161517
9368176
5168227
948383
947603

949666
800-016086
089 487111
Annunci Generici
Angri.info-Punto Info, Quotidiano Online. Aut.Trib. Nocera Inferiore N. 11/07 del 25/09/2007. Dir.Resp. A. Santaniello