Questa pagina non ha ricevuto commenti. Commenta per primo!

Confesercenti Angri: “Dopo la tregua di Ferragosto torna l’incubo di tasse e tributi

Stato di salute delle imprese salernitane e "Tax freedom day". La Confesercenti Angri analizza il trend a Salerno e nei paesi dell'Agro nocerino sarnese.

logo confesercenti angri

Dopo i pesanti adempimenti del mese di luglio, alle piccole e medie imprese è stato concesso un breve periodo di relax in termini fiscali, ma nemmeno il tempo di rientrare dalle vacanze che torna l'appuntamento con l'Agenzia delle Entrate; oggi, 21 agosto, è la data tanto temuta entro cui pagare numerosi balzelli che si sovrappongono come ritenute, versamenti e adempimenti contabili.

In particolar modo le PMI sono tenute a versare all’INPS i contributi dei propri dipendenti, e devono anche emettere e registrare le fatture del mese precedente, per artigiani e commercianti è previsto poi il pagamento del contributo minimo obbligatorio, mentre le aziende che elargiscono dei primi di produttività ai propri dipendenti nel mese di agosto, hanno tempo fino ad oggi per versare l’imposta sostitutiva, per quanto riguarda i liberi professionisti invece, c’è ancora la possibilità di versare l’ultima rata del saldo IVA 2016 pagando una mora che varia a seconda del ritardo, ultimo giorno anche per il versamento Iva mese di luglio (contribuenti mensili) e versamento Iva II trimestre (contribuenti trimestrali); inoltre, il “popolo delle partite IVA” potrà pagare in ritardo anche le rate dell’IRES e dell’IRPEF. 

Le imprese italiane sono tra le più tartassate d'Europa nonostante la qualità dei servizi ricevuti dallo Stato sia spaventosamente inadeguata, questo comporta che le nostre imprese lavorano per il fisco circa 8 lunghi interminabili mesi all'anno e solo da quel momento in poi, cioè dal "tax freedom day", giorno della liberazione fiscale, incominciano a lavorare per provvedere alle proprie necessità.

 Nonostante questo dato allarmante si registrano segnali di stazionarietà del sistema imprenditoriale della provincia di Salerno nel secondo trimestre dell’anno in corso. 

Tra aprile e giugno 2017 il Registro delle imprese ha riportato un incremento di 856 unità, che rappresenta in termini percentuali una crescita dello 0,72%, un valore che ricalca esattamente quello registrato nello stesso periodo del 2016. E' quanto emerge dai dati relativi alla dinamica delle imprese registrate presso la Camera di Commercio che, tra l'altro, conferma il buon andamento delle società di capitale le quali, con oltre 500 imprese in più, registrano un tasso di crescita dell’ 1,82%. Sono però sempre le imprese individuali a caratterizzarsi per il maggior  turn over atteso che a fronte di quasi 1400 imprese nuove iscritte, si assiste a 1100 chiusure di attività (0,43%).

Sebbene le percentuali siano timidamente incoraggianti è doverosa una riflessione - spiega Aldo Severino vice Presidente Vicario Confesercenti Provinciale Salerno - infatti dietro le statistiche vi sono le storie  dei singoli imprenditori, commercianti, esercenti che schiacciati dalla crisi non riescono a risollevarsi dovendo sopportare in molti casi un forte disagio sociale. Le nostre imprese vivono una situazione insostenibile e, costrette a lavorare gran parte dell'anno per pagare le tasse, vedono sempre più risicati i loro guadagni con un rallentamento della crescita economica e conseguente desertificazione dei nostri centri urbani a causa dei consumi ridotti. Se non si attua una politica volta a comprime la pressione fiscale - prosegue Severino - ci vorranno ancora molti anni per uscire dalla crisi e nel frattempo saremo costretti a vedere altri commercianti chiudere per sempre le serrande o peggio ancora, compiere gesti estremi perchè indebitati, impossibilitati a pagare i dipendenti, a provvedere ai bisogni della propria famiglia, risucchiati in un vortice di disperazione. E' triste ammetterlo ma "si muore ancora di crisi" e impotenti, assistiamo a devastanti tragedie individuali".

Ma qual è lo stato di salute delle imprese di Salerno e dell'Agro nocerino sarnese?

La Confesercenti territoriale angrese  attraverso il proprio Sportello Impresa - Camera di Commercio - sede di Angri, ha analizzato i dati che riguardano le imprese dei nostri territori evidenziando come nella maggior parte dei casi si è verificato un lieve incremento delle attività sia  registrate  che iscritte nel II trimestre di quest'anno rispetto allo stesso periodo del 2016,  con un trend negativo solo per i comuni di S. Marzano, S. Valentino e Corbara. Ma vediamo nel dettaglio che:

Salerno ha avuto 98 registrazioni in più rispetto al 2016, quando contava 16053 imprese, con 288 iscrizioni e 219 cessazioni tra aprile e giugno 2017; 

Angri  quest'anno vede registrate 3309 imprese con 57 iscrizioni (tra le più rilevanti 25 imprese non classificate, 16  di commercio all'ingrosso e al dettaglio, 5 attività di servizi alloggio e ristorazione) e 38 cessazioni, mentre nel 2016 registrate sono state registrate 3298 imprese, con 70 iscrizioni e 72 cessazioni;

Scafati registra 4890 imprese, 85 in più rispetto al 2016, con 86 iscritte (di cui 44 non classificate, 20 di commercio all'ingrosso e dettaglio 5 in costruzioni e 4 in agricoltura), l'anno prima iscritte 113;

Cava incrementa le registrazioni di 66 unità rispetto alle 4679 del 2016, con 97 nuove iscrizioni nel II trimestre (40 non classificate, 29 nel commercio 5 agenzie di viaggio, 4 attività di agricoltura).

Nocera Inferiore registrate nel 2017 4755 imprese, a fronte di 4742 nell'anno prima, con 86 iscrizioni  (36 non classificate, 20 commercio, 6 costruzioni, 6 attività finanziare assicurative, 6 alloggio e ristorazione) e con 90 cessazioni;

Pagani nel 2016 aveva 3552, nel 17 conta 3593 attività con 58 iscrizioni (32 non classificate, 9 nel  commercio, 4 in agricoltura, 4 nella ristorazione, 3 manifatturiere), con 45 cessazioni.

S. Egidio del Monte Albino registra 1061 imprese quest'anno, 12 in più rispetto al 2016, con 24 iscrizioni (di cui 12 nel commercio, 6 non classificate, 2 in agricoltura e 2 in alloggio e ristorazione), e con 14 cessazioni;

Sarno registrate nel 2017 3066, 10 in più dell'anno prima, con iscritte 58 (di cui 20 nel commercio, 19 non classificate, 3 nel settore dell'agricoltura, 2 di noleggio e agenzie di viaggio), cessate 56.

Queste sette città confermano l'andamento positivo registrato in provincia di Salerno, mentre un'inversione di tendenza con segno negativo si registra a 

S. Marzano che nel 2016 contava 1378, ora 1374 con 24 iscrizioni (tra cui 13 non classificate, 7 nel  commercio, 2 in agricoltura) e 31 cessazioni; 

S. Valentino Torio che quest'anno a registrato 1185 imprese, 7 in meno del 2016, con 17 iscrizioni (di cui 5 non classificate, 4  attività di commercio, 3 di agricoltura), e 17 cessazioni;

Corbara che aveva 178 registrazioni nel 2016, quest'anno invece 8 in meno con 2 iscrizioni in imprese non classificate e 2 cessazioni nel commercio all'ingrosso e dettaglio.

Parole Chiave: news, confesercenti angri, aldo severino

Pubblicato il 21 Agosto 2017 da La Redazione


Commenti degli utenti alla pagina:

Non ci sono commenti per questa pagina.

Commenta : (richiesto)

: (richiesta, non sarà pubblicata)

: (richiesto)





Inserire il codice antispam nella casella di testo sottostante

COMMERCIO

“Angri rinunci al titolo di Città d’Arte”

“Angri rinunci al titolo di Città d’Arte”

A chiederlo è Aldo Severino, presidente della Confesercenti, preoccupato delle nuove norme in materia di orario delle attività commerciali e dei pubblici esercizi

COMMERCIO

Confesercenti Angri, uno sportello per affiancare le start up per i giovani aspiranti imprenditori

Dal 1 al 4 dicembre torna la manifestazione Dolci & Golosi, giunta alla seconda edizione

EVENTI

Successo per la III edizione di Oggi Sposi e Dolci &Golosi

Successo per la III edizione di Oggi Sposi e Dolci &Golosi

Nonostante il maltempo, numerosi visitatori hanno affollato gli spazi espositivi dell'evento organizzato dalla Confesercenti di Angri

CIVILTA'

Confesercenti Angri lancia il progetto: Mi Fido di te!

Confesercenti Angri lancia il progetto: Mi Fido di te!

Campagna di sensibilizzazione per la raccolta delle deiezioni canine