Questa pagina non ha ricevuto commenti. Commenta per primo!

Strade provinciali insicure, si inasprisce lo scontro politico

Francesco D’Antuono ( Forza Italia) replica a Michele Strianese: “mente”

D'Antuono StrianeseLa mancata manutenzione e la conseguente insicurezza delle strade provinciali  tiene banco nel dibattito politico dell'agro, anzi si inasprisce sempre più, con botta e risposta sempre più duri.

Francesco D’Antuono, Coordinatore di Forza Italia per l’area Nord di Salerno, nei giorni scorsi aveva chiamato in causa Il Presidente della Provincia Giuseppe Canfora e Michele Strianese, consigliere provinciale delegato, chiedendo spiegazioni in ordine alle priorità degli interventi, eseguiti, a suo dire, per “favorire i propri territori”a discapito di altre strade insicure sia dell’agro nocerino che del Cilento. La nota di D’Antuono aveva provocato la reazione di Strianese che, respingendo le accuse, aveva enunciato in un comunicato una serie di interventi già effettuati o in programma nell’Agro. 

Oggi D’Antuono ritorna sull’argomento: “Con rammarico - scrive l’esponente forzista- si prende atto della perseveranza del Consigliere Provinciale Delegato Michele Strianese in merito alla provincializzazione di San Valentino Torio. Ancora più grave, però, risulta essere l’atteggiamento  permissivo del Presidente Sindaco Giuseppe Canfora su questa vicenda che risulta essere decisamente poco chiara. E’ assurdo che chilometri di strade della piccola cittadina dell’Agro continuino ad essere asfaltate per garantire maggiore sicurezza mentre nulla viene fatto per la Provinciale del Chiunzi che da tempo necessita di reali e seri interventi di messa in sicurezza. Per non parlare poi delle strade del Cilento. “A detta di Strianese - conclude D’Antuono- sono in programma i lavori di messa in sicurezza del Valico di Chiunzi  ma è assurdo pensare che con soli  50 mila euro si possano risolvere importanti problematiche stradali di un’arteria di fondamentale importanza per il traffico diretto sulla Costiera di Amalfi. Di conseguenza sarebbe interessante conoscere le modalità e le priorità date alla piccola città di San Valentino Torio e i criteri di esclusione di altre realtà dai lavori del manto stradale. Strianese mente e cura il suo piccolo orticello ignaro dei pericoli che corre tutta la comunità provinciale.”

D'Antuono aveva chiamato in causa anche i consiglieri provinciali angresi Ferraioli e Mauri, rimproverando loro uno scarso interesse per la sicurezza delle strade dell'Agro, ma questi ultimi hanno preferito fino ad ora ignorare le rimostranze dell'esponente di Forza italia.

A.S.

Parole Chiave: news, politica, francesco d'antuono, michele strianese, provincia, viabilità

Pubblicato il 30 Agosto 2017 da La Redazione


Commenti degli utenti alla pagina:

Non ci sono commenti per questa pagina.

Commenta : (richiesto)

: (richiesta, non sarà pubblicata)

: (richiesto)





Inserire il codice antispam nella casella di testo sottostante

POLITICA

Strade dell’Agro insicure, Francesco D’Antuono chiama in causa Ferraioli e Mauri

Strade dell’Agro insicure, Francesco D’Antuono chiama in causa Ferraioli e Mauri

Il Coordinatore di Forza Italia-Area nord Salerno accusa i due consiglieri provinciali angresi di scarso interesse per la sicurezza delle strade dell’Agro

POLITICA

Istituto alberghiero e Premio Città di Angri, Squillante replica a Fausto Postiglione

Polemica a distanza tra l’assessore e il consigliere provinciale sul paventato trasferimento dell’Alberghiero e sulla manifestazione tenutasi ad Angri

ZTL

Giuseppe Galasso: “Le zone a traffico limitato saranno estese anche ad altre strade”

Giuseppe Galasso: “Le zone a traffico limitato saranno estese anche ad altre strade”

Lo prevede l’accordo raggiunto con i commercianti e con i loro rappresentanti di categoria.

NOMINE

Il Presidente della Provincia Cirielli nomina l’angrese Amalia Scoppa suo consigliere politico

Il Presidente della Provincia Cirielli nomina l’angrese Amalia Scoppa suo consigliere politico

La dottoressa Scoppa si occuperà di Pianificazione Sanitaria Regionale, con l’obiettivo di una maggiore progettualità in materia formativa nel settore socio-sanitario.