Angri, il Prefetto nomina il commissario ad acta per l’approvazione del Rendiconto di Gestione 2018

Avviate le procedure per l’approvazione in via sostitutiva dello strumento contabile. Si avvicina lo scioglimento del consiglio

Consiglio comunale Angri

L’approvazione del Rendiconto di Gestione 2018 del Comune di Angri sarà effettuato, in via sostitutiva del consiglio comunale, da un commissario ad acta.
Il Prefetto di Salerno ha infatti nominato il dott. Francesco Prencipe, dirigente di seconda fascia della Prefettura, per l'approvazione del "fondamentale strumento contabile", per due volte bocciato dal consiglio comunale.
Di solito alla procedura della nomina del commissario ad acta segue quella dello scioglimento del consiglio e l'arrivo di un commissario prefettizio.

Amedeo Santaniello

ECCO LA NOTA PREFETTIZIA TRASMESSA AL SEGRETARIO DEL COMUNE DI ANGRI

NOTA PREFETTIZIA COMMISSARIO AD ACTA

Parole Chiave: news, consiglio comunale, rendiconto 2018, scioglimento, commissario ad acta

Pubblicato il 12 Luglio 2019 da La Redazione


POLITICA

Bilancio di previsione, notificati gli atti ai consiglieri comunali

Bilancio di previsione, notificati gli atti ai consiglieri comunali

Non ancora fissata la data della convocazione del consiglio. Il Sindaco tenta di evitare lo scioglimento

CONSIGLIO COMUNALE

Angri, convocato il consiglio comunale ma…non lo sa nessuno

Angri, convocato il consiglio comunale ma…non lo sa nessuno

L’Amministrazione “dimentica” di pubblicare la convocazione all’Albo Pretorio. In discussione c'è l'approvazione del Rendiconto 2018

CONSIGLIO COMUNALE

Angri, ancora una bocciatura per il Rendiconto 2018

Angri, ancora una bocciatura per il Rendiconto 2018

Hanno votato contro i 12 consiglieri di opposizione. Il Sindaco e i consiglieri di “maggioranza” non si sono presentati

POLITICA

Angri, forse ci sarà una terza votazione sul Rendiconto 2018

Angri, forse ci sarà una terza votazione sul Rendiconto 2018

Il regolamento dei lavori del consiglio comunale prevede anche la possibilità di “revocare e sostituire le proprie deliberazioni"