Questa pagina non ha ricevuto commenti. Commenta per primo!

Cart-one, di Ernesto Terlizzi

Personale dell’artista angrese presso il Convento di S.Maria degli Angeli di Torchiati Montoro (AV)

Cart one di Ernesto TerlizziERNESTO TERLIZZI CART-one 

A cura di Paolo Romano 

14 / 29 Ottobre 2016 

Opening: Venerdì, 14 ottobre alle ore 19 

Convento di S. Maria degli Angeli di Torchiati Montoro (Av) 

Cart-one è il titolo della personale di Ernesto Terlizzi organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Montoro, in concomitanza con la 12 Giornata del contemporaneo Amaci. Mostra che prosegue il secondo ciclo di MONTORO/CONTEMPORANEA, una rassegna di eventi di arte contemporanea, ideata e diretta da Gerardo Fiore, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura della Città di Montoro. 

Alla serata, moderata da Sabatino del Regno, interverranno oltre all’ artista il sindaco di Montoro Mario Bianchino, l’assessore alla cultura Raffaele Guariniello; Paolo Romano giornalista; Antonio Pecoraro ricercatore storico; Antonella Esposito dirigente scolastico. 

L’esposizione è composta da 22 opere di diverso formato eseguite su cartoni riciclati e realizzate tutte nel corso di quest’ultimo anno. L’artista nel recuperare materiali di scarto dal suo territorio periferico, li assemblea, innesta e contamina su superfici di cartone, per esaltarne con originalità, oltre al senso tattile, anche il fascino immaginifico, di profonda suggestione evocativa. 

La mostra è curata da Paolo Romano che a tal proposito così scrive: “…Cart-one di Ernesto Terlizzi è una mostra di grande potenza espressiva a cominciare dall’ambiguità del titolo che rinvia al cartone per esteso, e recupera con il suffisso anglosassone, che sta ad indicare il numero uno, il primato della materia rispetto al valore venale che l’uomo gli conferisce. Come a dire che non sono il bronzo o l’oro a dare valore all’opera d’arte, ma l’alchimia che si crea tra artista e materia, tra intuito creativo e tecnica, tra materiali e contesti. Cart-one di Terlizzi è un progetto di grande potenza, destinato a durare nel tempo, contrariamente alla apparente deperibilità del supporto cartonato. Come in certi imballaggi, dove l’artista, ha volutamente lasciato anche la scritta destinata agli spedizionieri, ognuna di queste opere è al tempo stesso “alta” e “fragile”. Un altezza ed una fragilità che a ben vedere, appartengono sempre all’arte, intesa come effimero tentativo di afferrare la bellezza”. 

ERNESTO TERLIZZI fin dalla metà degli anni sessanta è presente nel panorama artistico nazionale ed internazionale, con mostre di gruppo, personali e rassegne varie. Tra le personali si citano quelle di Firenze 1979, Galleria Inquadrature; Bergamo 1980, Galleria Fumagalli e Napoli, Galleria S. Carlo; Venezia 1985, Galleria Plusart; Baronissi 2006, FRAC; Ferrara 2013, Galleria del Carbone; Milano 2014, Spazio Tadini e StudioS, Roma. E’ stato invitato ad esporre nei più importanti premi italiani: Premio Michetti 1978, 1982, 1983, e 2010. Premio Termoli 1991 “Esaedro”; Premio Sulmona 2006, 2009 e nel 2011 è invitato alla 54 Biennale internazionale d’arte contemporanea di Venezia In “Lo Stato dell’arte in Italia” Ex Tabacchificio Centola di Pontecagnano (Sa). Molti sono i critici e gli intellettuali che hanno scritto delle sue opere inserite in diverse collezioni pubbliche e private. 

Scrive Paolo Romano: ‘Come sei superficiale! Lo diciamo di una persona in senso più che dispregiativo. Per gli artisti è invece il contrario, la conoscenza della superficie è fondamentale e non solo in senso tecnico. La superficie è significante, contenuto, profondità, forma, essenza. Persino per i non vedenti in essa risiede la quintessenza dell’arte, essi percepiscono la superficie attraverso il tatto, percorrendone l’estensione con le dita della mano hanno l’esatta percezione dell’opera. Terlizzi sembra invitarci ad effettuare questa scansione tattile, a recuperare il contatto con l’opera, ad apprezzarne la tangibilità contro l’evanescenza di una “società liquida”. Nella materia, nei materiali, nei prodotti dell’uomo e nella loro giustapposizione creativa si nasconde spesso l’emozione dell’arte. Se non fosse così l’arte rimarrebbe confinata nel recinto imbalsamato e consunto del dualismo tela-pittore, scultura-scultore, pennello e cavalletto, scalpello e mazzuola. L’ultimo progetto dell’artista Ernesto Terlizzi – tra i maggiori interpreti dell’astrattismo – è un lavoro di ricerca su quelli che mi piace definire “cartoni contaminati”. Le opere di Terlizzi sono sempre macro creazioni che nascondono micro mondi. Sono belle a vedersi nella loro interezza, comunicano sensazioni, stati d’animo, inquietudini e codici indefiniti. Ma – come sempre nelle vere opere d’arte – soprattutto invitano ad una lettura più approfondita: vincendo la pigrizia dell’occhio, lo sguardo binoculare dell’uomo è chiamato a cercare la verità di un frammento, la galassia nascosta in un grumo, la sintesi espressiva. Terlizzi mimetizza in ogni frammento di materia epifanie clandestine, in ogni particella della superficie dell’opera occulta tracce, indizi. Sussurri e grida parlano allo spettatore attento dell’opera. Ogni opera di Terlizzi è una galassia semantica che ruota intorno ai pianeti minimi, alle particelle del caos materico. Cart-one di Ernesto Terlizzi è una mostra di grande potenza espressiva, a cominciare dall’ambiguità del titolo che rinvia al cartone per esteso e recupera - con il suffisso anglosassone che sta ad indicare il numero uno – il primato intrinseco della materia rispetto al valore venale che l’uomo gli conferisce. Come a dire: non sono il bronzo o l’oro a dare valore all’opera d’arte, ma l’alchimia che si crea tra artista e materia, tra intuito creativo e tecnica, tra materiali e contesti.  La scelta polimaterica sottende l’ambiguità, intesa come dissimulazione, proliferazione di significati, ricerca di ulteriori chiavi di lettura, invito a considerare sempre il prodotto artistico come “opera aperta”. All’apparente fragilità di un cartone ondulato, Terlizzi associa materiali compositi e immanenti come l’asfalto, con la sua componente bituminosa, residui e scarti dell’Impero del Petrolio. Terlizzi – che ha esposto di recente presso lo Spazio Tadini di Milano – compone i suoi arazzi di cartone tra fenditure, brecce e segni di un avanzato processo di destrutturazione dell’immagine. Quest’ultima, lungi dal proporre la vacuità ed il nichilismo, riempie la mente di una miriade di fotogrammi reali ed onirici, dando luogo ad una proliferazione di immagini retiniche, ad un delirio simbolico, ad un sistema di scatole cinesi contenenti metasignificati. Come per ideali frammenti di “autostrade del pensiero”, le carte e i cartoni di Terlizzi sposano bitumi e metallo. Il bitume è quello usato per l’asfalto, per la realizzazione dei manti stradali, ma anche quello per la coibentazione degli edifici. Il metallo non è mai quello nobile, patinato, appena uscito dalla fabbrica, ma quello sottratto al ciclo del consumo e del rifiuto. È la materia metallica delle lamiere consunte e attaccate dalla ruggine, è la latta schiacciata dei barattoli di pomodori, reperita tra discariche, cumuli di rifiuti e casolari abbandonati. In questo caso non è la solita operazione ecologica che muove l’artista. Il recupero di tali materiali metallici dismessi è motivato dall’interesse dell’artista per la potenza espressiva della loro patina, per le geografie del colore, la ruvidezza e la consistenza del supporto, la risposta della materia all’attacco degli ossidi. Riformulandola in maniera originale, Terlizzi sintetizza e riattualizza la lezione di Burri, con le superfici corrose e logore che parlano e gridano molto più delle opere d’arte patinate. Nelle opere di Terlizzi nulla è lasciato al caso, persino la cornice esce dal suo schema funzionale e non è più semplice delimitazione dell’opera. Un quadrato o un rettangolo di ferro con-partecipano alla geografia dell’opera d’arte, dialogano con la superficie del quadro, ne fanno parte da un punto di vista cromatico e materico, di significante e di significato. Cort-one di Terlizzi è un progetto artistico di grande potenza, destinato a durare nel tempo, contrariamente alla apparente deperibilità del supporto cartonato. Come in certi imballaggi, dove l’artista ha volutamente lasciato anche la scritta destinata agli spedizionieri, ognuna di queste opere è al tempo stesso “alta” e “fragile”. Un’altezza ed una fragilità che, a ben vedere, appartengono sempre all’arte, intesa come effimero tentativo di afferrare la bellezza.’

ERNESTO TERLIZZI nasce ad Angri (Sa), dove vive e lavora. 

Studia presso il Liceo Artistico e l’Accademia di Belle Arti di Napoli. Pur spaziando attraverso diverse discipline, il suo lavoro è stato sempre caratterizzato dalla presenza del segno, continuamente recuperato e contaminato, con le varie materie utilizzate nel corso della sua lunga ricerca. Così facendo l’autore ha definito un suo personale ed intimo modo espressivo, grazie ad intelligenti espedienti immaginativi, brecce, fenditure e segni astratti, sempre tesi a coniugare, il manuale ed il mentale, la pratica dell’arte e la teoria ad essa dedicata, in un processo di destrutturazione della realtà. Una realtà, riproposta attraverso una sorta di rivisitazione della natura e dell’uomo, in un nuovo mondo allusivo e denso di suggestioni evocative. Tra le numerose mostre personali tenute su tutto il territorio nazionale si segnalano: 1976 Perugia, Palazzo dei Priori; 1978 Firenze, Galleria Inquadrature; 1980 Teramo Galleria, L’Archetto; Napoli, Galleria S. Carlo; 1981 Bergamo, Galleria Fumagalli; 1984 Venezia, Galleria  PlusArt; 1988 Perugia, Galleria Materiali Immagini; 1989 Napoli, Istituto Francese “Le Grenoble”; 1991 Macerata, Pinacoteca e Musei Comunali;  1997 Villaricca (Na),  A. C. ArtexArte; 1999 Potenza, Studio Arte10;  2004 Napoli , A.C. “Numero 9” ; 2006 Baronissi (Sa),  FRAC  Convento dei Frati; 2010 Roma, Galleria Consorti; Salerno,  Punto Einaudi;  2012  Gazoldo degli Ippoliti (Mn), MAM Museo d’Arte contemporanea;  2013 Ferrara, Galleria del Carbone; 2014 Milano, “Spazio Tadini;  Roma, StudioS. Tra le varie mostre di gruppo è stato invitato a  diverse edizioni del Premio  Michetti di Francavilla al mare (Ch) 1978, 1982, 1983 e 2010; al Premio Termoli,  Esaedro 1991; al Premio Sulmona  2006 e 2009, nel 1991 alla mostra “The modernity of lyrism” Gummesons Koust Gallery,  Stoccolma  e  al Joensuus ArtMuseum, Helsinki , Finlandia;  2001” Confronti dialettici dell’immagine” Teatro dei Cappuccini  Lussemburgo; 2003 Artisti italiani e maltesi, Rue de Salle, Malta;  2005 “Struttura Oggetto”  Reggia di Caserta; ”Generazione anni 40” Museo d’Arte delle generazioni italiane del 900, Museo Bargellini ,Pieve di Cento (Bo) ; 2010 “Protagonisti del Contemporaneo”   Fondazione Michetti, Ex Aurum Pescara; 2011 “Lo Stato dell’Arte  in Italia”  54 Biennale internazionale d’Arte Contemporanea  Venezia,  Padiglione Campania  EX Tabacchificio Centola ,Pontecagnano (Sa); 2014 Il Libro d’Arte e d’artista  Museo Beit  Hair, Tel Aviv. L’Arte al tempo della crisi” Sguardi altrove” Spazio Tadini, Triennale Milano.2013 “Un mosaico per Tornareccio” Tornareccio (Ch); “Angeli Contemporanei” Galleria del Carbone, Ferrara. Molti sono i critici e gl’intellettuali che hanno scritto delle sue opere, inserite in diverse collezioni pubbliche e private tra cui: Museo d’Arte contemporanea Durazzo Albania; Pinacoteca d’arte contemporanea, Ripe S. Ginesio, Macerata; Consolato Venezuelano Napoli; FRAC-Fondo regionale Arte Contemporanea, Baronissi (Salerno); Musei comunali e Pinacoteca Macerata; Museo delle Generazioni italiane, Pieve di Cento Bologna; CAM ArtMusemContemporary, Casoria, (NA);  MuMi  Museo Michetti, Francavilla al Mare (CH); MAM Museo d’Arte Contemporanea  Gazoldo degli Ippoliti (Mn);  Museo dell’Università di Chieti.



Parole Chiave: news, arte, ernesto terlizzi, cart-one, mostra, convento s.maria degli angeli, montoro

Pubblicato il 10 Ottobre 2016 da La Redazione


Commenti degli utenti alla pagina:

Non ci sono commenti per questa pagina.

Commenta : (richiesto)

: (richiesta, non sarà pubblicata)

: (richiesto)





Inserire il codice antispam nella casella di testo sottostante

ARTE E CULTURA

Inaugurata la mostra “Segni e Materie Incise”

Inaugurata la mostra “Segni e Materie Incise”

Le opere di Maria La Mura resteranno esposte fino al 3 ottobre. La presentazione di Ernesto Terlizzi

Arte & cultura

Inaugurata al Punto Einaudi di Salerno la personale di Ernesto Terlizzi

Inaugurata al Punto Einaudi di Salerno la personale  di Ernesto Terlizzi

La mostra è visitabile fino al 18 dicembre

ARTE

Successo di pubblico per “Donnarte”

Successo di pubblico per “Donnarte”

Inaugurata a Scafati la mostra “collettiva” di Maria la Mura di Angri, Anna Coppola,Clara Rezzuti e Rosa Panaro

ARTE

“Un Eco per Tutti”, al Museo Archeologico di Napoli

“Un Eco per Tutti”, al Museo Archeologico di Napoli

Segnalibri in mostra per ricordare lo scrittore Umberto Eco. C’è anche l’artista angrese Ernesto Terlizzi