Questa pagina non ha ricevuto commenti. Commenta per primo!

Un’Altra Angri invita l’Amministrazione Ferraioli ad utilizzare il Decreto Fiscale

"La definizione agevolata delle cartelle riguarda anche i tributi locali, Il Sindaco si attivi subito per agevolare i contribuenti angresi"

tributiCon l’approvazione del decreto fiscale, avvenuta in data 17 Novembre, si sono aperti interessanti spiragli correlati alla cosiddetta rottamazione dei ruoli; anche per i comuni.

I contribuenti potranno chiedere di pagare i debiti, sfruttando la cosiddetta “sanatoria delle cartelle”, oltre che con Equitalia, anche con i Comuni purché la riscossione sia stata fatta con l’ingiunzione di pagamento e non con il ruolo.  Ammessi alla definizione agevolata (vengono scontati sanzioni e interessi di mora) anche i carichi affidati agli agenti della riscossione fino al 31 dicembre 2016. 

L’istanza deve essere presentata ad Equitalia entro il 31 Marzo 2017 ed i versamenti devono avvenire in numero 5 rate (da Luglio 2017 a Settembre 2018!).

Il risparmio è cospicuo: su una cartella riguardante tributi dell’agenzia delle entrate e dei comuni può ammontare ad oltre il 45%.  E questo senza che il Comune ci rimetta sugli importi originari.

E non finisce qui! Un emendamento inserito in sede di conversione del decreto fiscale 193/2016 concede la possibilità ai comuni, che ne esprimano la volontà, ne recepiscano la normativa di cui trattasi ed adottino un apposito regolamento, di “rottamare” ingiunzioni, dilazioni in corso e altri atti di riscossione divenuti definitivi.  In sostanza il Comune di Angri può dare ai cittadini la possibilità di eliminare i debiti derivanti da i tributi locali. Anche per quelli affidati ai concessionari della riscossione (ad es. la SO.G.E.T. SpA) e non solo per quelli per i quali in modo autonomo procede tramite ingiunzione (ad es. multe dei Vigili Urbani)

È evidente che il provvedimento, se adottato in tempo, potrebbe portare a indubbi vantaggi, sia per le finanze del comune che godrebbero di un miglioramento dei flussi finanziari, sia per i contribuenti (imprese o persone fisiche) che, per i più disparati motivi, o non hanno adempiuto alle obbligazioni tributarie scaturenti dagli avvisi di accertamento della SO.G.E.T., o che hanno impugnato gli avvisi soccombendo in commissione tributaria o, più semplicemente, furono ammaliati da una irresponsabile opposizione consiliare che li indusse erroneamente a non pagare. 

Avendo il Sindaco più volte invocato la concordia sociale, ed essendosi assunto la responsabilità di allargare i settori del Comune, con la relativa spesa, inquadrando nei ruoli di dirigente, personale esterno all’ente pur di assicurare equità da un lato ed entrate regolari e costanti dall’altro, ci aspettiamo che stavolta non fallisca miseramente come finora ha fatto nelle vicende dei bandi per i finanziamenti regionali (leggasi Palio e Premio Città di Angri).

Lasciare abbandonati al proprio destino i cittadini di Angri su questa vicenda, dove l’intervento "costa solo” la capacità professionale di elaborare un appropriato provvedimento e la capacità politica dei consiglieri di maggioranza di approvarlo in tempi accettabili, costituirebbe un “peccato mortale”, una “maledizione imperdonabile”. Già in troppe occasioni questa amministrazione ha lasciato soli i cittadini di Angri ad affrontare problemi e difficoltà in cui il Comune ha il dovere di intervenire. Mancare di cogliere un’occasione così ghiotta per tutti sarebbe da incapaci politici, buoni solo per andarsene a casa. Al più presto.

Un’altra Angri


Parole Chiave: news, tributi, soget, un'altra angri, rottamazione cartelle

Pubblicato il 18 Novembre 2016 da La Redazione


Commenti degli utenti alla pagina:

Non ci sono commenti per questa pagina.

Commenta : (richiesto)

: (richiesta, non sarà pubblicata)

: (richiesto)





Inserire il codice antispam nella casella di testo sottostante

amministrazione comunale

Ici e Tarsu, il Comune di Angri “stana” gli evasori

Ici e Tarsu, il Comune di Angri “stana” gli evasori

Per il solo 2006 inviati avvisi di accertamento ICI per 1 milione di euro. La Tarsu evasa per 6 milioni di euro.

POLITICA

Ici e Tarsu, Fli chiede all’Assessore al Bilancio e al Sindaco controlli sull’operato della Soget

“Occorre che i ricorsi dei cittadini in autotutela siano esaminati da personale qualificato e con celerità”

TRIBUTI

Recupero evasione tributi, le perplessità del Partito Democratico

“Chiediamo di confrontarci con l’Amministrazione in carica per rivedere le storture della procedura seguita”

TRIBUTI

Soget, Cosimo Ferraioli chiede l’annullamento degli accertamenti eseguiti

Il capogruppo consiliare Pdi-centrosinistra contesta la procedura adottata dall’Amministrazione Mauri per il recupero dell’evasione dei tributi comunali