Angri. Ecco i “papabili”, ad oggi, alla carica di Sindaco

Terminate le ferie estive, riprendono gli incontri tra aspiranti alla fascia tricolore e gruppi politici e civici in vista della prossima campagna elettorale

consiglieri angri

Chiusi gli ombrelloni si srotolano i programmi elettorali. L’amministrazione Ferraioli è ancora nel limbo, in attesa che, tra circa quindici giorni il Tribunale Amministrativo Regionale si pronunci sullo scioglimento, attuato in seguito alla bocciatura del rendiconto di bilancio, ma i gruppi e alleanze iniziano a prendere timidamente forma.
Ragionamenti tutti ancora in fase di embrione, che lievitano con le pizze consumate ai tavoli delle riunioni, dai vari aspiranti. Si susseguono incontri più o meno informali anche per tentare di capire il peso delle forze che potrebbero essere messe in campo la prossima primavera, al voto con o senza scioglimento.
L’unica cosa che rispecchia una contrapposizione logica è l’età. Da un lato i nomi dell’ "ancien regime": Cosimo Ferraioli, Umberto Postiglione, Pasquale Mauri e Ferruccio Iaccarino, dall’altro lato quello della “nouvelle vauge” ovvero identikit di giovani che tentano la presa della fascia tricolore.
In primis: Alberto Milo che da tempo non nasconde la possibilità di proporsi con decisione come alternativa “popolare” ai soliti nomi. Milo sta lavorando, già da tempo, con intensità proprio sul fronte delle questioni più sentire e visibili, quelle ritenute popolari e immediatamente avvertibili. Alberto Milo si è fatto promotore della delicata questione sull’appalto della pubblica illuminazione, tutt’ora al vaglio della magistratura e del commissario prefettizio edi altre importanti questioni sociali irrisolte dall'attuale amministrazione comunale, come l'assegnazione degli alloggi popolari. Milo ha, in questo momento, generato un vero consenso aggregante popolare. La fase più complessa sarà sicuramente dettata dall’eventuale ricerca delle alleanze, ancora tutti coacervi non ben definiti.
Altro nome che potrebbe catalizzare l’interesse dell’elettorato è quello di Alfonso Scoppa, il giovane professionista e già consigliere comunale, nel 2010, nipote di Pasquale Mauri. Scoppa potrebbe essere nome aggregante delle forze moderate che in città sono una parte prevalente.
Anche il centro destra vorrebbe proporre un suo candidato. Si fa avanti Giuseppe D’Ambrosio, il medico cardiologo ed ex vice sindaco di Cosimo Ferraioli. D'Ambrosio uscito velenosamente di scena all’inizio dell’estate, pochi giorni prima della “sospensione”, non nasconderebbe le sue ambizioni e, chiaramente potrebbe portarsi a rimorchio anche elementi e qualche civica che era a supporto del sindaco Ferraioli.
Proprio Cosimo Ferraioli, sempre più di matrice leghista, starebbe ridiscutendo la sua candidatura con i suoi “alleati” forti: Lega, appunto, Grande Angri. La conta però sembra non essere numericamente dalla sua parte.
Naviga invece sottotraccia Pasquale Mauri, preso da un inaspettato ”rinascimento politico”. Sornione l’ex primo cittadino sta cerando di capire gli assetti a venire dei vari gruppi e, poi, tentare la zampata alleandosi con il gruppo emergente. Mauri ha una base di voti invidiabile nonostante le defezioni nell’ultimo quinquennio.
In campo potrebbe tornare anche Umberto Postiglione, ex prefetto e sindaco negli anni novanta e primi duemila. Postiglione ha più volte giurato, anche con colorita veemenza, di non essere interessato alle beghe politiche cittadine. Alla base principalmente, anche in questo caso, è un fatto di numeri. Grande sponsor di Postiglione è l’ex assessore Caterina Barba, altra indiziata a una possibile candidatura se il Prefetto dovesse veramente “levare mano” alla corsa a Palazzo di Città.
Da tempo attivo sui social anche Salvatore Iaccarino (Ferruccio) vecchia colonna del PCI e consigliere comunale negli anni novanta. Dopo un intensa esperienza professionale oltre oceano, Iaccarino non nasconde il suo proposito di mettersi in discussione, al servizio della città. La line up, però è appena aperta.

Luciano Verdoliva

Parole Chiave: news, politica, elezioni 2020, campagna elettorale

Pubblicato il 28 Agosto 2019 da La Redazione


ELEZIONI 2015

“Basta con le spese elettorali folli”

“Basta con le spese elettorali folli”

Sinistra per Angri stigmatizza l’impiego di gigantografie, cene, feste e spese eccessive per la campagna elettorale

PROBLEMI REALI

Campagne allagate, incontro in Regione

Campagne allagate, incontro in Regione

Il Sindaco Mauri ottiene dall’Assessore Regionale alla Protezione Civile assicurazioni concrete

DIASPORA CENTRODESTRA

Adesso basta! Le nostre aspettative sono state disattese

I militanti angresi di Azione Giovani lasciano il Popolo della Libertà

Amministrazione Comunale

Approvato il conto consuntivo 2009

Approvato il conto consuntivo 2009

Resta il problema dei residui e dei debiti fuori bilancio appartenenti alle gestioni passate. Nuovo consiglio comunale per il 30 settembre.